Formula 1: il cervello dei piloti e i suoi segreti

Uno studio dell'Università di Firenze ha evidenziato la funzionalità particolare della mente dei piloti.

Ferrari F150th 2011

Altre foto »

Un buon pilota di F1 deve avere talento, freddezza, un fisico allenato, ma soprattutto... il cervello! E' quanto emerge da uno studio del Dott. Giulio Bernardi, medico nell'Unità operativa di Biochimica clinica del Dipartimento di Medicina e diagnostica molecolare dell'Università di Pisa, condotto in collaborazione con il Dipartimento di Medicina interna dell'Aoup e con Formula Medicine di Viareggio.

A quanto pare, i particolari allenamenti svolti dai piloti per essere sempre lucidi e reattivi nelle diverse condizioni di gara provocherebbero dei cambiamenti a livello celebrale rispetto alle persone comuni, poco avvezze alla pratica di questo sport motoristico.

In pratica, analizzando i processi di elaborazione dell'informazione visuo-motoria nel cervello dei piloti e in quello dei comuni automobilisti, è stata evidenziata una diversa connettività funzionale tra distinte regioni cerebrali.

Lo studio ha sottoposto a risonanza magnetica i piloti della Forumula 1 ed è stato chiesto loro di rispondere a precisi compiti di integrazione visuo-motoria. ''Abbiamo simulato una griglia di partenza - ha concluso Pietrini - e in presenza del semaforo rosso i piloti dovevano ripetutamente schiacciare un pulsante. Cio' che si evidenzia e' come l'addestramento dei piloti fornisca risultati assai diversi rispetto a quelli dei soggetti normali. In questo modo per la prima volta e' stato possibile misurare come diversi gruppi di neuroni parlano tra di loro".

L'addestramento dei piloti, la loro abitudine ad elevate prestazioni, ha un effetto plastico sul cervello, lo modifica in qualche modo e ciò dimostra che proprio l'addestramento può risultare molto utile in caso di terapie riabilitative conseguenti a danni cerebrali.

Insomma, per diventare un pilota di successo è necessario allenare la mente, che anche in questo sport ha ruolo fondamentale. D'altra parte i trionfi di driver come SchumacherProst, denominato il "Professore", non sono stati un caso.

Se vuoi aggiornamenti su FORMULA 1: IL CERVELLO DEI PILOTI E I SUOI SEGRETI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 12 aprile 2011

Vedi anche

Giorgetto Giugiaro vince il premio Matita d

Giorgetto Giugiaro vince il premio Matita d'Oro 2016

Giorgetto Giugiaro ha vinto il Premio "Matita d'Oro 2016", il riconoscimento che da quest'anno andrà a premiare i migliori designer dell'auto.

Peugeot: una web serie con Stefano Accorsi

Peugeot: una web serie con Stefano Accorsi

Sei episodi per esprimere sei sensazioni diverse dove l’auto è protagonista.

Italdesign Automobili Speciali: dedicato alle auto più esclusive

Italdesign Automobili Speciali: dedicato alle auto più esclusive

Il nuovo brand di Moncalieri si occuperà della realizzazione di automobili super esclusive realizzate in poche unità per clienti-collezionisti.