Alfa Romeo 166 diventa SUV: sacrilegio cinese?

La cinese Guangzhou ha comprato il progetto dell’ultima ammiraglia del Biscione per realizzare il SUV X-Power che verrà presentato a Shanghai.

Alfa Romeo 166 1998

Altre foto »

Il gruppo cinese Guangzhou Automobile Industry - fondato nel 2000 e solo dopo 10 anni al 40° posto nella classifica delle prime 500 fabbriche cinesi - ha di recente acquistato diritti e disegni dell'ultima ammiraglia Alfa Romeo: la 166 prodotta dal 1998 al 2007.

Insieme alla produzione di automobili, motocicli, autobus e veicoli commerciali, la Guangzhou ha fatto un po' di "shopping" in Italia comprando diritti e progetti della 166. Sul pianale di questa vettura, la Guangzhou ha già realizzato lo scorso anno la berlina Trumpchi, mentre al momento sta ultimando il progetto per un SUV. Si chiamerà X-Power e verrà presentato ad aprile in occasione del Salone di Shanghai.

La scelta di acquistare un progetto "chiavi in mano" è dettata da un mercato in grandissimo sviluppo (nel solo mese di gennaio 2011 in Cina sono state prodotte quasi 1,4 milioni di automobili) nel quale i tempi di realizzazione sono fondamentali per battere una concorrenza interna decisamente rilevante.

Se vuoi aggiornamenti su ALFA ROMEO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Luca Gastaldi | 21 marzo 2011

Altro su Alfa Romeo

Alfa Romeo Stelvio: primo contatto con il SUV del Biscione
Ultimi arrivi

Alfa Romeo Stelvio: primo contatto con il SUV del Biscione

L’Alfa Romeo Stelvio arriva sul mercato italiano con prezzi che partono da 50.800 euro e motori con potenze che raggiungono i 280 CV.

Alfa Romeo Giulia Sportwagon: cancellata la produzione
Mercato

Alfa Romeo Giulia Sportwagon: cancellata la produzione

I dirigenti Alfa hanno bocciato la Giulia Sportwagon, che quindi non arriverà mai sul mercato. Il marchio punta sul nuovo SUV Stelvio.

Fca: la piattaforma Giorgio anche per Jeep, Dodge e Maserati?
Anteprime

Fca: la piattaforma Giorgio anche per Jeep, Dodge e Maserati?

Fonti Web rivelano che Fca, per compensare i costi di rilancio Alfa Romeo, potrebbe far adottare il nuovo pianale da un’ampia gamma di modelli.