Lamborghini Gallardo inefficiente: distrutta a martellate

Un imprenditore cinese ha messo in atto una protesta contro i difetti della sua Lamborghini. Il risultato impietoso è una supercar “fatta a pezzi”.

Lamborghini Gallardo inefficiente: distrutta a martellate

di Lorenzo Stracquadanio

15 marzo 2011

Un imprenditore cinese ha messo in atto una protesta contro i difetti della sua Lamborghini. Il risultato impietoso è una supercar “fatta a pezzi”.

Un vero appassionato di quattro ruote non può non rammaricarsi di fronte a queste immagini che ritraggono una fiammante Lamborghini Gallardo L140 (LP560) letteralmente presa a martellate.

L’iniziativa, provocatoria – ma aggiungiamo noi priva di senso – è venuta in mente a un facoltoso imprenditore cinese che dopo i ripetuti difetti riscontrati sulla vettura ha deciso di passare alle maniere forti, distruggendo la sua supercar.

L’intento ovvio era quello di protestare contro l’inefficenza della vettura, ben rappresentando così la giornata dei diritti dei consumatori nella provincia di Shandong. L’evento infatti è stato ripreso da fotografi e giornalisti.

Follie cinesi verrebbe da dire visto che la trovata ha comportato la distruzione di una supercar – propulsore da 5,2 litri in grado di erogare 560 cavalli – che costa su strada la bellezza di oltre 180mila euro.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...