VW New Beetle: quando il richiamo non basta…

Negli Usa, VW richiama 27 New Beetle. Le auto non saranno riparate ma direttamente sostituite. Ma c’è un paradosso…

VW New Beetle: quando il richiamo non basta...

di Andrea Barbieri Carones

07 febbraio 2011

Negli Usa, VW richiama 27 New Beetle. Le auto non saranno riparate ma direttamente sostituite. Ma c’è un paradosso…

Negli Stati Uniti è in corso un richiamo di Volkswagen New Beetle, prodotte tra il 1° e il 22 settembre 2010. Nonostante l’esiguo numero di auto interessate alla misura – appena 27 – fanno scalpore le modalità con cui sarà eseguito il provvedimento: i proprietari dovranno portare il proprio veicolo dal concessionario e ripartire con un esemplare nuovo di zecca (ma prodotto prima di settembre).

In pratica: una sostituzione ex novo che non dispiacerà a quei proprietari che hanno magari percorso diverse migliaia di chilometri con l’esemplare vecchio, che si ritroveranno un’auto con il contachilometri a zero.

La Nhtsa, l’autorità federale Usa che si occupa della sicurezza stradale, ha rilevato che i “Maggioloni” prodotti in quelle 3 settimane non rispondevano alle nuove regole sulla sicurezza emanate dal soggetto pubblico ed entrate in vigore proprio dal 1° settembre. Ed è più semplice sostituire i veicoli che ripararli.

I proprietari riceveranno una versione precedente che, ironia della sorte, non risponderà comunque a questi nuovi canoni. Ma essendo stata prodotta prima dell’entrata in vigore della normativa, può circolare senza problemi visto che rispondeva alle regole in vigore in quel momento.[!BANNER]

In Italia, Paese delle scappatoie, avrebbero sanato la questione con una proroga di 3 settimane dell’entrata in vigore della legge. E nessuno avrebbe saputo nulla né il costruttore avrebbe dovuto fornire 27 auto nuove di zecca.