Google car: ritirato il libretto di circolazione

L'auto di Google è stata multata dai vigili di Pordenone per irregolare montaggio della videocamera. Ritirato anche il libretto di circolazione.

La polizia municipale di Pordenone ha ritirato il libretto di circolazione alla Google Car, l'auto che per conto dell'azienda americana percorre le strade del mondo prendendo immagini da pubblicare su Google Maps.

Dopo diverse traversie occorse in alcune zone in Italia e all'estero - legate a una presunta violazione della privacy - anche in Italia il veicolo con la telecamera è incorso in un problema. Nulla legato alla riservatezza dei cittadini ma, ufficialmente, per un più banale problema alla sicurezza dell'auto che ha portato a una contravvenzione e, addirittura, al ritiro del libretto di circolazione.

Cosa è successo? I vigili hanno riscontrato dei difetti nella modalità di sistemazione delle videocamere e delle macchine fotografiche sul tetto della vettura. Del resto, obietteranno i difensori della Google car, era proprio stato il garante della privacy a dare il "via libera" al veicolo che poteva prendere immagini purché fosse stato "ben riconoscibile".

Ma forse l'indicazione è stata presa troppo alla lettera, al punto che sono state Violate le norme sulla sicurezza stradale.

Se vuoi aggiornamenti su GOOGLE CAR: RITIRATO IL LIBRETTO DI CIRCOLAZIONE inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 24 gennaio 2011

Vedi anche

Forza Horizon 3: il DLC Blizzard Mountain arriva a dicembre

Forza Horizon 3: il DLC Blizzard Mountain arriva a dicembre

Neve, ghiaccio, freddo e condizioni al limite caratterizzeranno Blizzard Mountain, il DLC per Forza Horizon 3 in arrivo a dicembre.

Calendario Pirelli 2017, la bellezza nella sua forma naturale

Calendario Pirelli 2017, la bellezza nella sua forma naturale

L’obiettivo dell’edizione 2017 del Calendario Pirelli è quella di rappresentare la bellezza naturale, senza alterazioni.

Seat: arriva il car sharing per i dipendenti

Seat: arriva il car sharing per i dipendenti

Sarà un progetto pilota denominato Connected Sharing