SOS Nürburgring, l'Inferno Verde rischia di chiudere

Il circuito tedesco del Nürburgring è in crisi. La pilota Sabine Schmitz ha fatto un video per invitare eventuali investitori a farsi avanti.

Investitore cercasi per salvare il celebre circuito tedesco del Nürburgring, alle prese con una crisi finanziaria alquanto preoccupante. Il "Green hell" o Inferno Verde, come viene spesso soprannominato, è a rischio chiusura nonostante sia uno dei circuiti che hanno fatto la storia dell'automobilismo, della Formula 1 e non solo.

Sabine Schmitz, pilota dei famosi "Ring Taxi", è il volto di una campagna finalizzata alla ricerca di un investitore interessato a rilevare il circuito, per evitare che i 21 km della pista in poco tempo vengano aggrediti dalla rigogliosa foresta circostante. 

Secondo alcuni, i 22 euro richiesti per effettuare un giro di pista con la propria auto non sono sufficienti per mantenere in attivo la struttura. Gli amanti dell'auto, sono pregati di farsi avanti.

La signorina Schmitz cerca di portare all'attenzione dei media e degli addetti ai lavori questa situazione incresciosa. E per questo motivo ha creato un video ad hoc, trasmesso anche in Gran Bretagna dal canale Five, che manda in onda anche Fifth Gear, noto programma di motori per cui collaborava testando auto alternandosi a Tiff Needell e Jason Plato.

 

 

 

 

Se vuoi aggiornamenti su SOS NÜRBURGRING, L'INFERNO VERDE RISCHIA DI CHIUDERE inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 23 dicembre 2010

Vedi anche

Cars 3: il trailer ufficiale

Cars 3: il trailer ufficiale

Saetta MacQueen torna al cinema per la gioia di grandi e piccoli appassionati.

Kia Soul & Soul System: protagonisti di un nuovo singolo musicale

Kia Soul & Soul System: protagonisti di un nuovo singolo musicale

Kia Soul e il gruppo emergente italiano Soul System sono i protagonisti di un nuovo singolo musicale irresistibile.

Tesla: inaugurato il nuovo showroom di Milano

Tesla: inaugurato il nuovo showroom di Milano

Il nuovo concessionario Tesla di Milano in piazza Gae Aulenti 4 prende il posto di quello aperto nel 2011 in via Cerva 31.