Forlì: ragazza regala “zebre” pedonali illuminate al fidanzato

A Forlì, una ragazza ha contribuito di tasca sua alle spese per installare dei led che segnalavano le “zebre” pedonali. Tutto come regalo al suo lui

Forlì: ragazza regala "zebre" pedonali illuminate al fidanzato

di Andrea Barbieri Carones

27 ottobre 2010

A Forlì, una ragazza ha contribuito di tasca sua alle spese per installare dei led che segnalavano le “zebre” pedonali. Tutto come regalo al suo lui

Il comune di Forlì ha promosso la campagna “Zebre sicure”, volta a rendere più sicuri gli attraversamenti pedonali della città romagnola. L’iniziativa è stata realizzata anche con il contributo di un privato cittadino, anzi di una privata cittadina: Francesca, una giovane residente, ha infatti contribuito a pagare l’installazione del primo impianto di illuminazione led. Ha fatto un versamento al comune di qualche centinaio di euro, addossandosi quindi parte della spesa, per amore del suo fidanzato.

Perché questo “regalo”? “Perché erano mesi che lui notava come le strisce fossero poco sicure, mal segnalate, male illuminate e con una vernice di bassa qualità” ha spiegato. Il fortunato fidanzato, oltretutto, lavora sulle ambulanze del “118” di Forlì e si è trovato in numerose occasioni di fronte a gravi incidenti che avevano coinvolto i pedoni.[!BANNER]

Commosso e compiaciuto, c’era da immaginarselo, pare abbia apprezzato il dono. In Italia, a differenza di altri Paesi europei, soprattutto in nord Europa, le strisce pedonali sono spesso invisibili agli automobilisti che, comunque, non sembrano rispettarle molto. Anche per questo, purtroppo ogni anno ben 700 persone perdono la vita mentre attraversano la strada.