Ferrari Enzo da record: sul lago salato, 384 km/h!

Biturbo, cerchi lenticolari e pneumatici a basso attrito: la "ricetta" per sfiorare i 400 km/h sul lago salato di Bonneville

Ferrari Enzo da record a Bonneville

Altre foto »

E' una Ferrari Enzo la GT più veloce del mondo. Il record è stato stabilito, in questi giorni, dall'americano Richard Losee, proprietario di uno dei 399 esemplari della 6 litri V8 di Maranello costruita dal 2002 al 2004. La vettura, per l'occasione, ha ricevuto un adeguato aggiornamento alla meccanica e all'aerodinamica.

Il primato, che appartiene alla categoria C (vetture a meccanica preparata con cilindrata di 6 litri), è stato raggiunto sulla classica pista di Bonneville, realizzata su un lago salato, dove è stata rilevata una velocità di punta di 238,142 miglia orarie (corrispondenti a ben 384 km/h) a una media sui due passaggi di 237,81 miglia (383,3 km/h).

Per quanto riguarda la meccanica, la GT di proprietà di Richard è stata equipaggiata con un doppio turbocompressore e un nuovo impianto di scarico, mentre la parte aerodinamica è stata adeguata con quattro cerchi lenticolari e l'impiego di pneumatici a basso attrito.

Il record di Losee, tuttavia, non è stato raggiunto con facilità. In passato, erano stati effettuati alcuni tentativi, tutti andati a vuoto a causa dell'imperfetta preparazione della vettura.

 

 

 

Se vuoi aggiornamenti su FERRARI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 15 ottobre 2010

Altro su Ferrari

Ferrari 812 Superfast: la più potente di sempre
Anteprime

Ferrari 812 Superfast: la più potente di sempre

La nuova 12 cilindri della Casa di Maranello sfoggia un design aggressivo e a tratti retrò abbinato ad un potentissimo 12 cilindri aspirato da 800 CV.

Ferrari: una F12 tdf per Horacio Pagani
Curiosità

Ferrari: una F12 tdf per Horacio Pagani

Una Ferrari personalizzata per la collezione privata del costruttore italoargentino.

Ferrari: inediti modelli nel suo futuro
Anteprime

Ferrari: inediti modelli nel suo futuro

Secondo Marchionne ci sarebbe "un enorme terreno inesplorato". Un'affermazione che apre nuovi scenari per la gamma del prossimo futuro.