Buon compleanno cintura di sicurezza!

Compie 50 anni il dispositivo che salva la vita: nasceva in Svezia presso la Volvo grazie al geniale ingegnere Nils Bohlin

Strana e bella storia questa, da raccontare anche ai nostri figli. E' la storia di un ingegnere aeronautico che rispondeva al nome di Nils Bohlin, nato a Harnosand in Svezia nel 1920. La sua carriera iniziò nel 1942 alla Saab, che come è noto cominciò la sua attività come costruttore di aeroplani, come ingegnere aeronautico.

Dall'aria alla strada

Come tale fu nominato nel 1955 responsabile dello sviluppo dei sedili eiettabili e degli altri dispositivi di sicurezza per i piloti, che sono risultati utilissimi nelle applicazioni più recenti soprattutto nei caccia a reazione. Con questi sistemi il pilota veniva catapultato fuori dall'abitacolo, e salvato poi grazie al paracadute. Ma paradossalmente Bohlin era interessato anche al fenomeno diametralmente opposto, e cioè un dispositivo che desse la massima protezione e ritenzione all'interno di un abitacolo nei casi di decelerazione estrema...

Era chiaro che questo sviluppo non era interessante per gli aerei, tant'è che Bohlin passò presto alla concorrenza e venne assunto nel 1958 dall'allora presidente della Volvo Gunnar Engellau, come specialista per la sicurezza. Già nella seconda metà degli anni '50 Volvo aveva sviluppato una serie di soluzioni per evitare che in caso di incidente gli occupanti delle vetture andassero a colpire i componenti dell'abitacolo, o per ridurre le conseguenze di tali impatti.

In origine erano diagonali

Tra queste soluzioni figuravano un piantone dello sterzo collassabile, un cruscotto imbottito e i punti di fissaggio per due cinture diagonali a due attacchi destinate ai sedili anteriori. Volvo equipaggiava già dal 1957 le sue vetture con ancoraggi standard per le cosiddette cinture diagonali, che avevano però il difetto di presentare una fibbia metallica all'altezza della cassa toracica in una posizione che poteva danneggiare gli organi delicati del corpo, invece che proteggerli.

Tra l'altro proprio il presidente Engelau aveva avuto una esperienza drammatica in famiglia, con un parente deceduto in un incidente stradale anche a causa delle carenze della cintura a due punti. E così fu affidato a Bohlin il compito di sviluppare una alternativa migliore. Il tecnico si mise al lavoro e si rese subito conto che era necessario trattenere al loro posto sia la parte superiore che quella inferiore del corpo, con una fascia diagonale sul petto e un'altra trasversale sul bacino.

Altro su Volvo

Volvo V90 Cross Country, pronta al debutto
Curiosità

Volvo V90 Cross Country, pronta al debutto

La nuova campagna pubblicitaria dedicata alla Volvo V90 Cross Country sprona le persone a vivere il presente ed a riscoprire le proprie passioni.

Volvo XC40: un nuovo Suv compatto al Salone di Shanghai
Anteprime

Volvo XC40: un nuovo Suv compatto al Salone di Shanghai

Secondo indiscrezioni Web, Volvo svelerà a Shanghai un "baby Sport Utility" sul nuovo pianale Cma; il debutto commerciale è previsto per il 2018.

Volvo XC90 D5: la prova su strada
Prove su strada

Volvo XC90 D5: la prova su strada

Lussuosa, ricca di comfort, sicura e agile quanto basta. Sorprende nei consumi e spicca per la sua personalità: le concorrenti premium tedesche sono state avvisate!