Il Sultano del Brunei vende la sua Ferrari F50

Il Sultano del Brunei mette in vendita una delle due Ferrari F50 con guida a destra costruite. L’affare, dicono gli esperti, è assicurato

Il Sultano del Brunei vende la sua Ferrari F50

di Andrea Barbieri Carones

04 agosto 2010

Il Sultano del Brunei mette in vendita una delle due Ferrari F50 con guida a destra costruite. L’affare, dicono gli esperti, è assicurato

Nel Regno Unito è in vendita una Ferrari F50 prodotta quasi su misura per il Sultano del Brunei, uno dei due esemplari che la Casa di Maranello ha costruito con la guida a destra.

Per un collezionista di auto come il sultano, un bolide in più o in meno non fa differenza, nonostante si parli di una rossa che ha percorso meno di 7.000 chilometri e che sia ancora più rara della F40 o della Enzo. L’affare – dicono gli esperti – è assicurato dato che il sultano non guarda a quanto potrà incassare dalla transazione: l’importante è venderla in fretta per far spazio a qualche altra auto presente solo nei sogni della maggior parte degli italiani.

La F50, a differenza di molte altre auto del Cavallino rampante, è forse quella che ha mantenuto più stretto il rapporto con le corse di Formula 1, è erede della monoposto del 1991 e piena di analogie con quelle auto al punto che da alcuni è considerata una “Formula 1 omologata” . Venne commercializzata tra il 1995 e il 1997 su idea di Piero Ferrari per celebrare il 50° anniversario dell’azienda. Il motore? Un V12 di 4,7 litri, in grado di accelerare da 0 a 100 km/h in 3,87 secondi e di raggiungere una velocità massima di 335 all’ora.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...