Alfa Romeo 8C 2300 all’asta a Ferragosto

Il giorno di Ferragosto, a 1 ora d’auto a sud di San Francisco, saranno messe all’asta varie auto d’epoca tra cui un’Alfa Romeo 8C 2300 “Monza”

Alfa Romeo 8C 2300 all'asta a Ferragosto

di Andrea Barbieri Carones

12 agosto 2010

Il giorno di Ferragosto, a 1 ora d’auto a sud di San Francisco, saranno messe all’asta varie auto d’epoca tra cui un’Alfa Romeo 8C 2300 “Monza”

Una Alfa Romeo 8C 2300 Monza del 1933 sarà messa all’asta nella cornice di un centro ippico di Pebble Beach, una località esclusiva della California vicina a quella Carmel di cui per un certo periodo fu sindaco Clint Eastwood.

Del resto un’auto di quel calibro, vincitrice di diverse corse automobilistiche in giro per il mondo, non poteva che meritare un luogo così. L’appuntamento, per chi fosse interessato all’articolo e si trovasse (per fortuna sua) sulle rive del Pacifico il 14 e il 15 agosto, è di quelli da non perdere, come dicono gli stessi organizzatori. Chi si trovasse in zona nei giorni precedenti potrà comunque dare un’occhiata alla “merce”.

In realtà il programma prevede la messa all’asta anche di altri gioielli a 4 ruote di altre marche, a iniziare da una McLaren di F1 del 1995, per continuare con una Mercedes Benz 540K del 1937, una Mercedes Benz S Boattail Speedster di 10 anni prima, una Ferrari 250 GT SWB Berlinetta SEFAC Hot Rod del 1960 e una Maserati 200SI del 1956.

Chi si aggiudicherà la rossa auto del Biscione sarà il 5° proprietario in 77 anni di vita: il primo se la tenne stretta per i primi 21 anni. Dal 1954 a oggi si sono succeduti 3 fortunati proprietari che l’hanno probabilmente “goduta” sulle strade della California, loro stato di residenza.[!BANNER]

L’Alfa Romeo 8C è stata progettata da Vittorio Jano nel 1930 ed è una delle più famose supercar dell’azienda del Biscione. La sigla, derivante dal fatto che il motore era a 8 cilindri, è stata ripresa per il modello 8C Competizione presentato al Salone dell’automobile di Francoforte del 2003 e di cui verranno messi in vendita 500 esemplari.

La prima versione del 1931 montava un propulsore 2.3 di cilindrata. Venne soprannominata Monza per la sua vittoria al Gran Premio d’Italia.