Hitler e l’amore per la Stella, quella a 3 punte

In Germania sarà messa all’asta una lettera in cui Hitler chiedeva un finanziamento a un concessionario per acquistare una Mercedes 11/40

Hitler e l'amore per la Stella, quella a 3 punte

Tutto su: Mercedes-Benz

di Andrea Barbieri Carones

30 giugno 2010

In Germania sarà messa all’asta una lettera in cui Hitler chiedeva un finanziamento a un concessionario per acquistare una Mercedes 11/40

In un mercatino delle pulci di Monaco di Baviera è stata trovata una lettera del 1924 in cui il non ancora führer Adolf Hitler chiedeva un prestito per acquistare una Mercedes 11/40 color grigio e con le gomme bianche. L’allora 35enne futuro dittatore austriaco aveva le idee chiare anche in fatto di automobili, dato che nella lettera dimostrava poca fiducia nell’acquisto temendo che il veicolo fosse poco affidabile. Quasi come la maggior parte dei suoi generali, che esautorò dall’incarico nelle fasi calanti della guerra.

Questa lettera, che verrà venduta all’asta a luglio, venne scritta da Hitler in una cella del carcere di Landsberg, dove venne imprigionato per 5 anni (ma vi rimase solo 9 mesi) per aver ordito il famoso putsch di Monaco.

Il modello scelto da Hitler costava all’epoca 18.000 marchi, troppi per un carcerato che negli ultimi anni non aveva lavorato in maniera continuata. La lettera era diretta al proprietario di un concessionario, Jakob Ferlin, al quale chiedeva un anticipo di “qualche migliaio di marchi” spiegando che nel giro di pochi mesi i proventi della vendita del suo libro Mein Kampf l’avrebbero aiutato a ripagare il debito.[!BANNER]

“Non posso permettermi un’auto che ogni 2 o 3 anni ha bisogno di riparazioni costose” scrisse il futuro führer. Il modello scelto era di fascia alta, che pochi potevano permettersi: aveva un motore a 6 cilindri da 2.860 cc con 40 CV e una velocità massima di 80 km/h e montava 2 ruote di scorta. Fu prodotta dal 1923 fino alla fine del 1925.

Su come andò a finire la richiesta, non si sa nulla. Certo è che negli anni a seguire – soprattutto a partire dal 1933, anno della sua ascesa al potere – Hitler si circondò di Mercedes, simbolo della qualità automobilistica tedesca.