In vendita la Ferrari F1 che fu di Alesi

Una concessionaria della Florida ha messo in vendita la vettura con cui Jean Alesi corse nella stagione F1 del 1991

Gli appassionati di Formula 1 che hanno qualche soldo da parte sono ancora in tempo per acquistare una Ferrari F1 Scuderia Tipo 642 Racer. Però ai 700.000 dollari necessari per acquistarla (circa 570.000 euro) occorre aggiungere un biglietto di andata e ritorno per la Florida, dove la vettura è tuttora in esposizione.

La concessionaria americana propone l'esemplare che fu guidato da Jean Alesi nel campionato mondiale F1 del 1991, quando il pilota francese - ora commentatore televisivo dello sport che lo ha reso famoso - era ancora nelle fila della scuderia di Maranello.

L'auto è equipaggiata con un motore V12 di 3,5 litri mentre la trsamissione è a 7 rapporti. Venti anni fa non portò molto fortuna ad Alesi che in quella stagione si classificò settimo in classifica generale dietro il vincitore Ayrton Senna su McLaren. Altri tempi. Oggi la Tipo 643 è stata comunque modificata per renderla utilizzabile dai privati, e averne un esemplare in garage - oltre che aumentare la propria autostima - farà sicuramente alzare l'indice di gradimento fra vicini e colleghi di ufficio e vi permetterà di far colpo sul molte esponenti del gentil sesso.

Se vuoi aggiornamenti su FERRARI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 01 giugno 2010

Altro su Ferrari

Ferrari 488 Challenge: versione racing da 670 cavalli
Motorsport

Ferrari 488 Challenge: versione racing da 670 cavalli

Presentata a Daytona la nuova Ferrari 488 Challenge da 670 CV: sarà impiegata nell'edizione numero 25 del monomarca di Maranello.

Ferrari: celebra i 70 anni con 70 livree speciali
Anteprime

Ferrari: celebra i 70 anni con 70 livree speciali

La Casa di Maranello proporrà 70 colorazioni per ognuno dei 5 modelli in listino

Ferrari: ricorso per la penalizzazione di Vettel nel GP del Messico
Motorsport

Ferrari: ricorso per la penalizzazione di Vettel nel GP del Messico

Il team di Maranello torna all’attacco in seguito alle vicende messicane