Tedeschi re dell’auto, italiani… della pasta

Il Reputation Institute stila una classifica globale sulle aziende migliori. Risultato? La Germania vince al volante, il Bel Paese… a tavola

Tedeschi re dell'auto, italiani... della pasta

di Lorenzo Stracquadanio

27 maggio 2010

Il Reputation Institute stila una classifica globale sulle aziende migliori. Risultato? La Germania vince al volante, il Bel Paese… a tavola

I cliché sono duri a morire. Forse perché in fondo c’è qualcosa di vero? Secondo l’indagine Global Reputation Studio Press 2010 effettuata dal Reputation Institute su un campione di consumatori sparsi per il mondo (24 Paesi in tutto), viene fuori che a conquistare la miglior posizione in campo tecnologico è Google (78,6% delle preferenze) seguita da Sony (78,4%) e Walt Disney (77,9%). E fin qui nulla da obiettare.

Alla quarta e quinta posizione però si collocano due colossi dell’auto, entrambi tedeschi: Bmw con il 77,7% delle preferenze e il Gruppo Daimler/Mercedes-Benz con il 76,8%, seguiti qualche posizione più in là (la nona per l’esattezza) da Volkswagen, con un soddisfacente 77,5%. Secondo gli esperti dell’Istituto in altre parole, o meglio secondo i consumatori interpellati, i big dell’auto tedesca (Audi fa comunque parte del Gruppo di Wolfsburg) la fanno da padrone nel campo delle 4 ruote.[!BANNER]

E l’Italia? Dall’indagine emerge che l’azienda con la migliore reputazione è Barilla che con il 72,4% delle preferenze si piazza alla 19esima posizione, seguita in 21esima da un altro marchio assai famoso nell’industria alimentare: Ferrero (72,3%). Come a dire: i tedeschi sanno fare le auto, e gli italiani sanno cucinare. Con buona pace di marchi come FiatFerrari, Maserati e Lamborghini per le 4 ruote e di nomi come Ducati e Aprilia per le moto.

No votes yet.
Please wait...