Carburanti: in Liguria è guerra al ribasso

Arma di Taggia, Leclerc conquista fette di consumatori puntando sui prezzi calmierati. Ma Agip non ci sta, e rilancia con sensibili sconti

Carburanti: in Liguria è guerra al ribasso

di Redazione

30 marzo 2010

Arma di Taggia, Leclerc conquista fette di consumatori puntando sui prezzi calmierati. Ma Agip non ci sta, e rilancia con sensibili sconti

Sono bastate poche settimane perchè il meccanismo atteso si innescasse. Con l’arrivo del distributore di benzina low-cost, anche la concorrenza ha deciso di adeguarsi. E così, ora, è una lotta a colpi di centesimi sul litro di venduto. Succede ad Arma di Taggia, piccolo centro sulla riviera ligure di Ponente, non distante dal confine con la Francia.

Considerata la posizione strategica, il gruppo Leclerc-Conad, proprietario del locale ipermercato Shopville, nel mese di febbraio ha deciso di posizionare nell’area una stazione di servizio. Grazie ai prezzi calmierati, l’iniziativa ha da subito riscosso successo tra i consumatori, che improvvisamente hanno lasciato all’asciutto gli affari delle società concorrenti, su tutti Agip, titolare di 4 piazzole nel comparto.[!BANNER]

Presa in contropiede, la dirigenza della compagnia petrolifera ha però deciso di passare il contrattacco. Come? Proponendo benzina e gasolio a 3 millesimi in meno rispetto a Leclerc, una proposta voluta e coperta dalla direzione generale. Tuttavia in casa Leclerc-Conad non sembrano assolutamente preoccupati dalla mossa. Anzi, l’obiettivo rincorso dal management è proprio quello di promuovere una gara al ribasso dei prezzi. Proprio la musica che vogliono sentire anche gli automobilisti.