Wi Move, Roma si gira con il wireless

Entro l’estate, sarà attivato un nuovo servizio per connettersi in rete e ricevere informazioni di viabilità urbana sul proprio smartphone

Wi Move, Roma si gira con il wireless

di Redazione

20 febbraio 2010

Entro l’estate, sarà attivato un nuovo servizio per connettersi in rete e ricevere informazioni di viabilità urbana sul proprio smartphone

Da quest’estate, a Roma, prenderà il via un servizio di info-mobilità wireless in grado di fornire informazioni in tempo reale sugli spostamenti con i mezzi pubblici all’interno della capitale, recapitandole direttamente sui propri smartphone, palmari o netbook.

Il progetto si chiama Wi Move e fa parte del Programma Elisa, dedicato all’innovazione tecnologica degli enti locali e finanziato dal Dipartimento Affari Regionali della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coinvolge Roma, capofila del progetto, in collaborazione con i comuni di Cagliari, Parma, Genova e le province di Genova, Imperia, Savona, La Spezia e Firenze, e si rivolge ad un bacino di utenza di ben 5,7 milioni di persone.

Fra questi i cittadini romani, i turisti, gli autisti dei mezzi pubblici, i tassisti, tutti coloro che transiteranno per la città e che saranno presto connessi con questo network wireless che fa viaggiare le informazioni sulla viabilità urbana attraverso il web: sparsi per la città, dal centro storico ai quartieri un po’ più periferici, sono infatti disseminati circa 300 Access Point a cui sarà possibile accedere gratuitamente. [!BANNER]

La connessione avverrà mediante una piattaforma multicanale dell’Agenzia della Mobilità denominata Atac mobile che rende fruibili le informazioni attraverso i diversi dispositivi di telefonia mobile. Ecco dunque che, a una fermata dell’autobus, connettendosi alla rete, sarà più facile individuare quale mezzo conduce più velocemente alla destinazione d’arrivo o conoscere la situazione del traffico in un certo punto della città: il monitoraggio infatti coinvolge i percorsi di tram, metropolitana e bus e copre ben 115 km di percorsi urbani.

Le informazioni, inoltre, possono anche essere di carattere puramente turistico, per aiutare i visitatori nel percorrere la città o nell’acquistare o prenotare biglietti. Cinque sono le lingue nelle quali è possibile usufruire del servizio (italiano, inglese, francese, tedesco e spagnolo) oltre che nel linguaggio per ipovedenti text-to-speech. Cittadini e turisti più felici, dunque, circolando in una città all’interno della quale gli spostamenti e i tempi di percorrenza risulteranno ottimizzati e, di conseguenza, l’inquinamento e il traffico ridotti (questo è infatti l’obiettivo con cui è sorto il progetto). Tassisti e autisti, dal conto loro, saranno connessi fra loro per scambiarsi informazioni sulla viabilità, agevolando ulteriormente i clienti e i passeggeri.