Richiami Toyota, il problema... nel tappetino

Il pedale dell'acceleratore si incastrava nel tappetino dell'auto. Inutile, pertanto, il richiamo di 4 milioni di auto fra Europa e Usa

"Elementare, Watson" avrebbe detto Sherlock Holmes al suo assistente. Ricordate il richiamo di circa 4 milioni di Toyota fra Stati Uniti ed Europa? Il richiamo nei concessionari di mezzo mondo era stato provocato da improvvisi e pericolosi blocchi dell'acceleratore quando si dava gas.

Si erano mobilitati ingegneri, meccanici specializzati e operai alla ricerca del problema. Pare addirittura che degli esperti fossero partiti da Tokyo a bordo del primo volo per l'Europa e l'America. Invece, per risolvere il problema, è bastato guardare in basso. Sì: sotto i piedi degli automobilisti. Pare infatti che tutto fosse causato dal tappetino ruvido che in tutte le auto del mondo è posto a riparo della moquette, contro cui il pedale urtava e si incastrava accidentalmente.

A questo punto, tirato un sospiro di sollievo, i dirigenti della casa giapponese (che costruisce anche le Lexus) si sono affrettati a comunicare ai propri clienti che era sufficiente fissare con una spilla il tappetino al sedile o a qualsiasi altro "appiglio" potesse fornire la macchina. Elementare, Watson.

Se vuoi aggiornamenti su TOYOTA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 28 gennaio 2010

Altro su Toyota

Toyota Camry: un teaser anticipa la prossima generazione
Anteprime

Toyota Camry: un teaser anticipa la prossima generazione

La nuova generazione della world car Toyota Camry abbraccerà uno stile più dinamico e sportivo.

Toyota C-HR, elogio della personalità
Ultimi arrivi

Toyota C-HR, elogio della personalità

Estetica "da prototipo", doppia motorizzazione che strizza l’occhio all’ibrido e trazione integrale. La crossover-coupé giapponese sguinzaglia le proprie armi con doti dinamiche sorprendenti.

Toyota: nel 2020 una nuova gamma elettrica extended range?
Ecologiche

Toyota: nel 2020 una nuova gamma elettrica extended range?

Rumors dal Web indicano che il colosso giapponese svilupperà, in tempo per le Olimpiadi di Tokyo, una gamma zero emissioni ad autonomia elevata.