In visita al Museo dell'Auto in Abruzzo

Automobili, biciclette d’epoca e cimeli dagli anni ’20 ai giorni nostri, per raccontare il passato, ancora emozionante, dell’Italia motorizzata

Museo dell'Automobile abruzzese

Altre foto »

Un'idea per il weekend. Nel cuore di una piccola cittadina abruzzese, San Giovanni Teatino, è possibile visitare il Museo dell'Automobile, un gioiellino che parla dell'Italia del secolo scorso in macchina. E anche in bicicletta, visto che una sezione è dedicata proprio al mondo delle due ruote.

Voluto fortemente da Emanuele Ricci, fondatore dell'omonima azienda "Ricci - Fluid Lubrificants & Tires", è ora gestito dal figlio Renato, sotto la cui egida tutti gli anni si disputa il Trofeo Matteotti, una gara di ciclismo che ha visto per la prima volta la luce nel '45.

Entrando nella sala d'ingresso, il Museo colpisce subito per la cura dei dettagli e per la ampiezza dello spazio espositivo. Oltre le prime vetture d'epoca che si ammirano, infatti, dietro ampie vetrate sono riposti taniche, fusti o barattoli di latta che, dagli anni '30 in poi, venivano usati per il trasporto e la vendita di lubrificanti. Fra essi, anche il fusto più vecchio della Fiat - che ora non commercializza più direttamente nel settore - da ammirare non foss'altro per la bellezza del packaging, con quei disegni tipici delle "rèclame"dei primi decenni del '900.

Ma anche distributori di benzina degli anni '30, '40 e '50 o le riviste di automobilismo del tempo. C'è inoltre un distributore al dettaglio di alcol denaturato risalente al 1950, quando ancora si vendeva sfuso ai distributori di benzina, e un vecchio estintore a forma di triangolo.

L'intero ambiente è realizzato con l'obbiettivo di ricostruire l'Italia del secolo scorso, con tutto ciò che la contraddistingueva di più: le automobili - e tutto il loro universo, le pedalate di Fausto Coppi, la musica e la "dolcevita". Non potevano dunque mancare un jukeboxe, un bar in stile 50 e, alle pareti, tanti poster dei film dell'epoca: elementi che, tutti insieme, spingono indietro nel tempo e fanno gustare un passato ancora in grado di emozionarci.

E poi loro, le automobili e gli altri mezzi (autocarri, carroattrezzi, autocisterne...). Belli, ben esposti, luccicanti come pietre al sole e quasi tutti italiani: Alfa Romeo, Fiat, Autobianchi etc. La più vecchia è una Balilla del '36, seguita da una Topolino A del '39; la più giovane la Bianchina "Panoramica" del '66. Fra esse spiccano per personalità una Lancia Flaminia 2500 Coupé del 1959 che, tutt'ora, in versione cabrio è utilizzata dal Presidente della Repubblica durante le parate istituzionali, e una Lancia Ardea, la cui parte posteriore è molto simile all'attuale Lancia Y, nata appunto ispirandosi ad essa.

Degni di nota anche gli autocarri: una Balilla del '33, per esempio. Sì, proprio di quell'anno anche se, all'epoca, non venivano ancora costruiti industrialmente con questa livrea. Dovevano dunque essere "rivisitati" e dotati di un telaio in legno che li trasformava, legalmente, in autocarri. Una 1100 è la prova della loro dualità: vi è la release autocarro e, di fronte, anche la versione originale della vettura.

C'è anche un angolo che ricostruisce un'officina-garage, con i relativi attrezzi, naturalmente. Il triangolo, uno smonta gomme, ma anche un grammofono e una Singer, pezzi anch'essi di un'Italia romantica e nostalgica che non c'è più. Oggetti come momenti di storia quindi: come uno dei 200 trattori Balilla del 1930 che il Duce fece costruire durante le bonifiche Pontine per regalarli poi agli agricoltori, lì esposto.

E poi un piano dedicato alla storia del ciclismo, dove troneggia la mitica "Bianchi" di Coppi. Tanti i particolari che fanno di questo Museo un luogo originale ed evocativo degli anni che furono, che i visitatori possono ammirare gratuitamente "scortati" dall'attenzione e dalla simpatia di un custode che sembra conoscere i segreti e le curiosità di ogni singolo pezzo.

Se vuoi aggiornamenti su IN VISITA AL MUSEO DELL'AUTO IN ABRUZZO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Vedi anche

Apple car, confermato il via libera al progetto

Apple car, confermato il via libera al progetto

Il Colosso di Cupertino avrebbe inviato un documento all’ NHTSA dove si evince la sua intenzione di realizzare un’auto a guida autonoma.

Forza Horizon 3: il DLC Blizzard Mountain arriva a dicembre

Forza Horizon 3: il DLC Blizzard Mountain arriva a dicembre

Neve, ghiaccio, freddo e condizioni al limite caratterizzeranno Blizzard Mountain, il DLC per Forza Horizon 3 in arrivo a dicembre.

Calendario Pirelli 2017, la bellezza nella sua forma naturale

Calendario Pirelli 2017, la bellezza nella sua forma naturale

L’obiettivo dell’edizione 2017 del Calendario Pirelli è quella di rappresentare la bellezza naturale, senza alterazioni.