Napoli, il comune taglia sulle auto blu

Con il passaggio dalle Alfa 159 “blu” alle Fiat Punto, saranno dimezzati i costi di gestione della flotta di 21 automezzi a Napoli

Napoli, il comune taglia sulle auto blu

di Andrea Barbieri Carones

04 gennaio 2010

Con il passaggio dalle Alfa 159 “blu” alle Fiat Punto, saranno dimezzati i costi di gestione della flotta di 21 automezzi a Napoli

Da oggi si risparmia. Punto. Il comune di Napoli ha deciso di tagliare le spese riconducibili alla gestione della flotta delle 21 auto blu di rappresentanza, dismettendo le Alfa 159 a favore delle meno costose Fiat Punto. Per i viaggi più lunghi e per importanti eventi istituzionali resteranno a disposizione solo 5 auto del Biscione.

Sempre veicoli del Lingotto si tratta. Ma, cifre alla mano, la giunta partenopea risparmierà 95.000 euro in un anno: dai 200.000 euro messi a bilancio da Palazzo San Giacomo nel 2009 per il servizio di auto blu, si passerà ai 105.000 del 2010. La delibera è già stata approvata.[!BANNER]

L’assessore alla Mobilità, Agostino Nuzzolo, ha pensato all’acquisto di Punto anche se non ha escluso l’arrivo delle ancor più piccole Panda. In ogni caso, la transazione sarà fatta attraverso la Consip, la società per azioni del ministero dell’Economia e delle Finanze, e con la formula già utilizzata del leasing.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...