Pebble Beach 2016: all’asta la Ferrari 166 Touring-Zagato

Un pezzo di storia dell’automobilismo verrà messo all’asta questo agosto a Pebble Beach.

Il prossimo 20 agosto a Pebble Beach, la Casa d'Aste Gooding & Co. Metterà all'incanto un pezzo di storia dell'automobilismo sportivo: parliamo della Ferrari 166 Touring-Zagato del 1950 con telaio 0046M, con carrozzeria  realizzata dalla Touring Superleggera.

Una delle particolarità di questa straordinaria vettura è che fu in un primo momento data a Giuseppe "Nuccio" Bertone, figlio del fondatore dell'omonima carrozzeria che la fece debuttare nel mondo delle competizioni il 24 aprile 1950 in occasione della Mille Miglia.

In quella occasione, Bertone arrivò 14esimo assoluto e terzo nella sua categoria, mentre alla Coppa d'Oro delle Dolomiti e alla Aosta arrivò rispettivamente 11esimo assoluto e 5° nella propria classe e secondo nel suo raggruppamento.

Nel '52 l'auto fu ceduta al pilota Emilio Giletti che la portò al trionfo della di categoria '52. Da Giletti la Ferrari arrivo nelle mani di Luigi Bosisio. Amico di Elio Zagato, a cui affidò il rifacimento della carrozzeria della vettura che la trasformò in una coupé. Zagato non modificò la fiancata, ma introdusse una serie di importanti modifiche alla vista anteriore e alla parte posteriore, con quest'ultima che risulta chiusa da una  greenhouse dotata di un filante padiglione.

Se vuoi aggiornamenti su FERRARI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 04 agosto 2016

Altro su Ferrari

Ferrari 812 Superfast: la più potente di sempre
Anteprime

Ferrari 812 Superfast: la più potente di sempre

La nuova 12 cilindri della Casa di Maranello sfoggia un design aggressivo e a tratti retrò abbinato ad un potentissimo 12 cilindri aspirato da 800 CV.

Ferrari: una F12 tdf per Horacio Pagani
Curiosità

Ferrari: una F12 tdf per Horacio Pagani

Una Ferrari personalizzata per la collezione privata del costruttore italoargentino.

Ferrari: inediti modelli nel suo futuro
Anteprime

Ferrari: inediti modelli nel suo futuro

Secondo Marchionne ci sarebbe "un enorme terreno inesplorato". Un'affermazione che apre nuovi scenari per la gamma del prossimo futuro.