Ferrari: all'asta la Testarossa Spider di Gianni Agnelli

Esemplare unico, allestita nel 1986 da Ferrari per l'"Avvocato". Andrà all'asta Artcurial di Retromobile a febbraio, a una base di 680.000 euro.

Ferrari Testarossa Spider 1986 di Gianni Agnelli

Altre foto »

Una nuova opera d'arte con l'emblema del Cavallino si prepara ad essere battuta all'asta. Non si tratta di uno degli esemplari più costosi nella storia Ferrari, come le leggendarie 250 GTO che recentemente hanno raggiunto quotazioni di 28 e 38 milioni di euro, tuttavia il "pedigree" c'è. Una origine nobile che giustificherà la base d'asta. E' la Ferrari Testarossa che appartenne a Gianni Agnelli, presidente Fiat dal 1966 al 1998, uno dei simboli del 900, la figura più importante e prestigiosa dell'economia italiana del 20. secolo, da molti considerato "il Re d'Italia". E non è una "Testarossa qualsiasi", quella che il prossimo febbraio andrà all'incanto all'asta che Artcurial terrà a Retromobile, la rassegna parigina di inizio anno interamente dedicata alle auto storiche: è la Ferrari Testarossa Spider, esemplare unico che nel 1986 Ferrari allestì appositamente per l'"Avvocato".

La Testarossa Spider di Gianni Agnelli non è, a dire il vero, l'unica "aperta" ad essere stata costruita: un altro esemplare (di colore nero) fu voluto e acquistato da Michael Jackson nello stesso periodo, tuttavia in questo caso la trasformazione in spider si deve a un'azienda artigianale californiana; ma è unica nel suo genere, come tutte le vetture che nel tempo sono entrate a far parte della personale "scuderia" Agnelli: la Testarossa Spider venne infatti preparata come spider direttamente a Maranello, e inoltre in una esclusiva tinta carrozzeria in argento metallizzato: un omaggio al vezzo tutto personale, da parte di Agnelli, di marchiare le posate di casa con il simbolo chimico dell'argento: Ag, come le iniziali del suo cognome e nome. A fare da contrasto alla esclusiva colorazione della carrozzeria (la capotte, in tela, è in tinta crema) c'è un sottile profilo in blu che accompagna tutta la parte bassa del corpo vettura.

Sotto il cofano della Ferrari Testarossa Spider di Gianni Agnelli, c'è il leggendario 12 cilindri a V di 180° da 4.942 cc derivato dall'unità che equipaggiava la 512BB, della quale Testarossa è considerata diretta erede, rivisto nelle testate (4 valvole per cilindro) e dalla potenza di 390 CV.

La Testarossa Spider di Gianni Agnelli andrà all'asta Artcurial di Retromobile, il prossimo 5 febbraio: la base d'asta è 680.000 euro. Gli organizzatori si aspettano che la vettura possa passare di mano a una quotazione fino a 900.000 euro. Accanto all'esemplare unico, sarà battuta l'ultima Ferrari 250 GT Swb prodotta: un esemplare del 1963 (numero di telaio #4065), per il quale la stima va da 9 a 12 milioni di euro.

 

Se vuoi aggiornamenti su FERRARI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 13 novembre 2015

Altro su Ferrari

Ferrari GTC4Lusso T al Salone di Parigi 2016
Anteprime

Ferrari GTC4Lusso T al Salone di Parigi 2016

Debutterà al Salone di Parigi la versione meno potente della Ferrari GTC4Lusso, una sportiva dotata di motore V8 turbo da 610 cavalli.

Ferrari 458 Spider Rosso Scossa by Mec Design
Tuning

Ferrari 458 Spider Rosso Scossa by Mec Design

La supercar della Casa del Cavallino Rampante guadagna un nuovo kit estetico-aerodinamico decisamente originale e vistoso.