La cintura di sicurezza compie 50 anni

Introdotta per la prima volta a bordo di una Volvo PV544, viene festeggiata oggi dalla Casa svedese

Ricorre oggi il 50esimo anniversario dell'invenzione della cintura di sicurezza allacciata in tre punti, apparsa per la prima volta il 13 agosto del 1959 a bordo di una Volvo PV544 da consegnare a un rivenditore svedese di Kristianstad.

Nei cinquant'anni seguenti, la cintura a V ha salvato più di un milione di vite, diventando il primo componente dei sistemi di sicurezza nell'abitacolo, a cui si sarebbero aggiunti negli anni gli airbag, i pre-tensionatori e limitatori di forza.

Altri ritrovati introdotti nelle vetture Volvo fin dalla loro prima apparizione, sono i tergicristalli, il parabrezza laminato, il sistema di scongelamento anti-ghiaccio del lunotto posteriore, l'avviso in caso di mancato allacciamento delle cinture, il sedile per bambini rivolto in senso contrario alla direzione di marcia.

La Volvo ha sempre mantenuto un grado di attenzione molto elevato nel campo della sicurezza a bordo, tanto da fondare, nel 1970, un proprio team di ricerca sulle dinamiche degli incidenti.

Da questo gruppo di lavoro ristretto, sono nate molte delle innovazioni testate poi in auto quali la Volvo S80, la Volvo XC90, e le nuovissime Volvo S40 e V50.

Se vuoi aggiornamenti su VOLVO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Altro su Volvo

Volvo Serie 90: aggiornamenti powertrain, multimediali e di sicurezza
Tecnica

Volvo Serie 90: aggiornamenti powertrain, multimediali e di sicurezza

Novità per Volvo S90 e V90, XC90 e V90 Cross Country: debuttano nuove trasmissioni, sistemi di guida predittiva e infotainment.

Volvo Concierge, servizi a domicilio per S90 e XC90
Curiosità

Volvo Concierge, servizi a domicilio per S90 e XC90

I servizi di concierge integrati nella piattaforma mobile Volvo On Call saranno dedicati a 300 proprietari di Volvo S90 e XC90.

Lynk & Co: il teaser del nuovo marchio Geely-Volvo
Anteprime

Lynk & Co: il teaser del nuovo marchio Geely-Volvo

Il colosso cinese Geely produrrà una inedita gamma di veicoli, basati sulla piattaforma modulare CMA, da destinare anche all'Europa.