Una Batmobile hot rod da Mark La Frenais

Il parco auto di Batmobile si arricchisce dell’ennesima variazione sul tema: è la Batmobile hot rod realizzata da Mark La Frenais.

Una Batmobile hot rod da Mark La Frenais

di Giuseppe Cutrone

24 agosto 2013

Il parco auto di Batmobile si arricchisce dell’ennesima variazione sul tema: è la Batmobile hot rod realizzata da Mark La Frenais.

Il mondo dei supereroi come Batman è ricco di interpretazioni e variazioni sul tema che nel corso degli anni si moltiplicano sempre più grazie alle numerose rivisitazioni delle storie, più o meno fedeli al personaggio e alle ambientazioni originali, fatte al cinema o in televisione.  

Da questi riadattamenti non sono esclusi i veicoli usati dall’eroe di turno, tanto che non è raro assistere a rifacimenti di modelli che sembrano a volte usciti da un fumetto o da una pellicola. È questo il caso, ad esempio, della particolare Batmobile realizzata da Mark La Frenais

>> Guarda le immagini della Batmobile hot rod di Mark La Frenais

Il designer britannico ha infatti creato una particolare versione dell’automobile utilizzata dall’Uomo-Pipistrello, dando alla sua opera una connotazione che non dispiacerà ai fan delle cosiddette “hot rod“, mentre potrebbe deludere gli appassionati più fedeli alle avventure di Batman. 

La Batmobile di La Frenais mostra una livrea scura dove spiccano gli inserti rossi, compreso la sagoma del pipistrello che campeggia al centro delle portiere e la particolare appendice sul tetto che riproduce il mantello del giustiziere di Gotham City. 

Il motore in bella vista mette in evidenza numerosi particolari cromati che regalano un tocco di eleganza, lo stesso che si ritrova nei cerchi in lega a tre razze e negli scarichi a due elementi circolari.  

Oltre che bella da vedere, una Batmobile deve anche essere molto veloce nel caso in cui sia necessario confrontarsi con il cattivo di turno in uno spettacolare inseguimento. La creazione di La Frenais, sotto questo aspetto, spalanca la porta alla fantasia, facendo ipotizzare che una tale abbondanza di “muscoli”, dovuti al particolare disegno del corpo vettura, possa tradursi in forza bruta una volta acceso il motore e aver innestato il rapporto.