MINI: consegnato l’esemplare numero 1.500.000

Si tratta di una Clubman in tinta Chili Red. Il 2009 sarà da ricordare per la Mini, che si avvia ai 7 milioni di modelli venduti in 50 anni

MINI: consegnato l'esemplare numero 1.500.000

Tutto su: MINI MINI

di Francesco Giorgi

08 luglio 2009

Si tratta di una Clubman in tinta Chili Red. Il 2009 sarà da ricordare per la Mini, che si avvia ai 7 milioni di modelli venduti in 50 anni

.

Il 2009 sarà ricordato, a Oxford, come l’anno della Mini: i 50 anni dall’inizio della sua storia, il maxi raduno celebrativo a Silverstone, la presentazione di nuovi modelli (compresa la Mini-E, la interessante elettrica annunciata nei giorni scorsi).

Adesso, un nuovo tassello si aggiunge alla storia recente della “piccola” di Oxford: nello scorso fine settimana, è uscito dalle linee di montaggio l’esemplare numero 1 milione e 500 mila della Mini “nuova serie”, che ha debuttato nel 2001. La Mini numero 1500000 è una Clubman in tinta Chili Red, ed è destinata ad un cliente britannico.

La delibera è stata seguita in prima persona da Ian Robertson, del Consiglio d’Amministrazione della Mini, e dal Segretario della Commissione governativa per l’Innovazione Tecnologica Ian Lucas.

Quale migliore occasione se non questa, per aggiungere una nuova dichiarazione a quanto già espresso quest’anno sui meriti della Mini? “E’ già stato molto bello avvertire la passione che accomuna i possessori delle Mini in tutto il mondo, e che ci è stata dimostrata con le 25 mila presenze al Mini-raduno di Silverstone un paio di mesi fa – commenta Ian Robertson – E la consegna della Mini numero 1 milione e 500 mila ci fa considerare che, seppure la crisi dell’auto non sia ancora terminata, la Mini è dotata di un fascino e di un carisma che difficilmente si può scalfire. Ma non ci fermiamo, naturalmente: nel prossimo futuro, lanceremo delle nuove versioni della Mini”.

Fra queste, la Mini D, proposta in quattro allestimenti a partire dal prossimo Settembre, la Mini World Championship 50 Limited e le Mini 50 Mayfair e Camden (dedicate al “primo mezzo secolo” di vita della “piccola” oxfordiana), oltre alla interessante Mini E, versione elettrica il cui progetto viene seguito dal Consorzio Mini E UK e che si avvale di un finanziamento governativo di 25 milioni di sterline.

Non resta che un’ultima annotazione: il totale delle Mini prodotte. Fra prima e seconda serie, il numero si sta avvicinando ai 7 milioni totali. Se venissero messe una dietro l’altra, si otterrebbe una “mini fila” lunga quasi 24 mila km…