Ferrari: raccolti 1,8 milioni per i terremotati emiliani

Il pezzo forte dell’asta è stata un rarissima Ferrari 599XX, acquistata ad 1,4 milioni di euro da un collezionista americano.

Ferrari 599XX record al Nürburgring

Altre foto »

La solidarietà e la passione della comunità Ferrari verso il popolo emiliano colpito dal terremoto è stata più forte della terribile tragedia che ha devastato la "terra dei motori" nelle scorse settimane. La Casa del Cavallino rampante è riuscita in appena 15 giorni a raccogliere ben 1,8 milioni di euro, grazie alla generosa asta organizzata a favore delle famiglie delle vittime del terremoto .

Il pezzo forte dell'asta - una potentissima 599XX - è stata aggiudicata per 1,4 milioni da un facoltoso collezionista americano. La vettura è stata personalizzata con una speciale targa commemorativa firmata dal Presidente Luca di Montezemolo e dai piloti Fernand Alonso e Felipe Massa in persona e verrà consegnata al futuro proprietario direttamente dal primo pilota della Scuderia Ferrari, in occasione del prossimo Gran Premio d'Italia che si disputerà Monza.

Un altro pezzo da collezione è il motore della monoposto F2008 campione del mondo, aggiudicato per ben 80.000 euro (esattamente il doppio della base d'asta) da un appassionato inglese, mentre il muso della F60 è stato aggiudicato per 23.000 euro e "volerà" nella lontana Malesia. L'asta di beneficenza ha avuto un ottimo successo anche per quanto riguarda alcuni "pezzi minori" come i caschi di Alonso e Massa, la tuta di Giancarlo Fisichella che sono andati letteralmente a ruba grazie alla generosità degli appassionati della Casa di Maranello.

Il presidente della Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo, visibilmente soddisfatto ha detto alla stampa: "Sapevo di poter contare sul grande cuore dei ferraristi di tutto il mondo ma, una volta di più, mi hanno sorpreso''. Il presidente non ha lesinato ringraziamenti su chi ha permesso questo  ottimo risultato: "Voglio ringraziare tutti i clienti, i collezionisti e gli appassionati che hanno partecipato all'asta e hanno dato il loro contributo, facendo sentire attraverso le loro offerte l'affetto e la vicinanza alla gente della nostra terra colpita da questa tragedia''.

Alla cifra raccolta durante l'asta organizzata dalla Casa del Cavallino rampante, si sono aggiunte moltissime offerte libere, elargite da tifosi, appassionati o semplici persone generose che si sono commosse e hanno voluto dare un contributo tangibile a chi è stato complito da questa terribile tragedia. Basta pensare a un  cliente russo che ha offerto ben 100.000 euro come se non bastasse il ricavato della vendita de suoi orologi, firmati rigorosamente Ferrari.

Se vuoi aggiornamenti su FERRARI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 21 giugno 2012

Altro su Ferrari

Formula1: la Ferrari festeggia in Ungheria
Motorsport

Formula1: la Ferrari festeggia in Ungheria

Poteva essere una doppietta per il team di Maranello

Formula 1: in Ungheria trionfa Vettel
Motorsport

Formula 1: in Ungheria trionfa Vettel

Seconda vittoria per la Ferrari nel mondiale 2015 ad opera del tedesco

Formula 1: Vettel commenta l’inizio di stagione 2015
Motorsport

Formula 1: Vettel commenta l’inizio di stagione 2015

Il pilota tedesco spiega che la Ferrari ha compiuto un miracolo nel 2015