Arno XI: all'asta la barca firmata Ferrari

La barca Ferrari sarà messa all'asta a Montecarlo: costruita nel '52, monta un motore 4,5 litri da quasi 600 CV e vale intorno ai 2 milioni di euro.

Arno XI: la barca firmata Ferrari

Altre foto »

Sarà venduta all’asta la Arno XI, conosciuta come "barca Ferrari", un esemplare unico costruito all’inizio degli anni Cinquanta per iniziativa dell'industriale Achille Castoldi insieme ai piloti Alberto Ascari e Luigi Villoresi.

Per una volta, il Cavallino rampante non ha 4 ruote anche se possiede un motore V12 4,5 litri da 600 cavalli e una carrozzeria verniciata di quel rosso tradizionale che ha reso famose in tutto il mondo le auto di Maranello.

La Casa d'aste RM Auctions, che il 10 e l’11 maggio prossimi a Montecarlo si occuperà della vendita, ritiene che questa imbarcazione possa essere venduta ad almeno 2 milioni di euro. Le condizioni attuali sono ottime, come si può vedere nelle immagini, dal momento che l'Arno XI è stato restaurato completamente nel 1993.

Nel suo pedigree, la Ferrari Arno XI ha un record di velocità sull’acqua avendo raggiunto, nel 1953, i 241.708 km/h sulle acque del Lago d’Iseo, primato che nessuno è più riuscito a battere nella categoria 800 kg. Sempre sullo stesso lago, la Ferrari d’acqua stabilì un altro record, volando sulla distanza delle 24 miglia nautiche alla velocità media di 164.37 km/h.

 

Se vuoi aggiornamenti su FERRARI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 20 marzo 2012

Altro su Ferrari

Ferrari 812 Superfast: la più potente di sempre
Anteprime

Ferrari 812 Superfast: la più potente di sempre

La nuova 12 cilindri della Casa di Maranello sfoggia un design aggressivo e a tratti retrò abbinato ad un potentissimo 12 cilindri aspirato da 800 CV.

Ferrari: una F12 tdf per Horacio Pagani
Curiosità

Ferrari: una F12 tdf per Horacio Pagani

Una Ferrari personalizzata per la collezione privata del costruttore italoargentino.

Ferrari: inediti modelli nel suo futuro
Anteprime

Ferrari: inediti modelli nel suo futuro

Secondo Marchionne ci sarebbe "un enorme terreno inesplorato". Un'affermazione che apre nuovi scenari per la gamma del prossimo futuro.