Ferrari: all’asta la F40 di Lee Iacocca

La sportiva costruita per l’ex CEO Chrysler andrà all’asta nell’evento RM auctions in Arizona

La Ferrari F40 di Lee Iacocca all'asta

Altre foto »

Una Ferrari F40 speciale sta per andare all'asta in Arizona. Si tratta di una vettura realizzata per Lee Iacocca, quando era a capo della Chrysler, un aspetto da non sottovalutare se si pensa che all'epoca la Casa Americana era proprietaria della concorrente Lamborghini.

La sportiva di Maranello doveva aver stregato Iacocca per via del suo aspetto estremo e della sua esclusività. Infatti, in America ne sono arrivate solamente 213, per cui questa vettura è una vera rarità che sta per essere offerta al pubblico da RM Auctions.

Con meno di 480 km all'attivo inoltre, è un'auto nuovissima, e perfettamente integra. Dalle foto si possono notare i paraurti adeguati alle specifiche statunitensi, la presenza della terza luce di stop e i catarifrangenti laterali.

Di sicuro, quest'auto, appartenuta a tre proprietari differenti, ha un passato importante e questo ne farà lievitare il valore durante l'asta; ma è innegabile che rappresenti un pezzo di storia dell'auto oltre che un prodotto di pregevole fattura.

Dopotutto, è ancora il modello più estremo costruito dalla Ferrari e l'ultima vettura venuta alla luce sotto l'occhio autoritario e appassionato di Enzo Ferrari.

Se vuoi aggiornamenti su FERRARI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 16 gennaio 2012

Altro su Ferrari

Ferrari 812 Superfast: la più potente di sempre
Anteprime

Ferrari 812 Superfast: la più potente di sempre

La nuova 12 cilindri della Casa di Maranello sfoggia un design aggressivo e a tratti retrò abbinato ad un potentissimo 12 cilindri aspirato da 800 CV.

Ferrari: una F12 tdf per Horacio Pagani
Curiosità

Ferrari: una F12 tdf per Horacio Pagani

Una Ferrari personalizzata per la collezione privata del costruttore italoargentino.

Ferrari: inediti modelli nel suo futuro
Anteprime

Ferrari: inediti modelli nel suo futuro

Secondo Marchionne ci sarebbe "un enorme terreno inesplorato". Un'affermazione che apre nuovi scenari per la gamma del prossimo futuro.