A Napoli con un SMS si prenota la sosta (abusiva)

I carabinieri di Napoli hanno denunciato un posteggiatore abusivo che riceveva prenotazioni via sms dagli automobilisti in cerca di un parcheggio.

Oggi la tecnologia nelle mani di tutti con gli smartphone e i posteggiatori abusivi di Napoli ne hanno subito visto le potenzialità per offrire un servizio in più ai loro "clienti" affezionati.

All'ombra del Vesuvio, infatti, si è diffuso da tempo il servizio di prenotazione di un posto auto tramite sms che comunicava al "premuroso" parcheggiatore l'arrivo del cliente. Subito scattava la ricerca di uno spazio libero che andava rigorosamente occupato con qualsiasi stratagemma ed espediente fino all'arrivo del veicolo cliente, il quale non doveva girare ore per sistemare il mezzo e se la cavava con una tariffa base di 10 Euro.

La tecnica è stata però scoperta dai Carabinieri della compagnia Centro, che nella centralissima via Chiaia hanno denunciato un giovane che è stato accusato di aver invaso il luogo pubblico per riservare il posto ai suoi committenti che, come detto, si prenotavano direttamente via sms.

L'attività avveniva principalmente nelle zone di Napoli più frequentate durante le ore serali, quando è praticamente impossibile trovare un posteggio libero.

Se vuoi aggiornamenti su A NAPOLI CON UN SMS SI PRENOTA LA SOSTA (ABUSIVA) inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 31 ottobre 2011

Vedi anche

Forza Horizon 3: il DLC Blizzard Mountain arriva a dicembre

Forza Horizon 3: il DLC Blizzard Mountain arriva a dicembre

Neve, ghiaccio, freddo e condizioni al limite caratterizzeranno Blizzard Mountain, il DLC per Forza Horizon 3 in arrivo a dicembre.

Calendario Pirelli 2017, la bellezza nella sua forma naturale

Calendario Pirelli 2017, la bellezza nella sua forma naturale

L’obiettivo dell’edizione 2017 del Calendario Pirelli è quella di rappresentare la bellezza naturale, senza alterazioni.

Seat: arriva il car sharing per i dipendenti

Seat: arriva il car sharing per i dipendenti

Sarà un progetto pilota denominato Connected Sharing