Navigatori: rinviato il lancio dei satelliti Galileo

Rinviato all’ultimo il lancio dei primi due satelliti del programma Galileo, che dal 2014 fornirà servizi di navigazione satellitare all’Europa.

Navigatori: rinviato il lancio dei satelliti Galileo

di Giuseppe Cutrone

20 ottobre 2011

Rinviato all’ultimo il lancio dei primi due satelliti del programma Galileo, che dal 2014 fornirà servizi di navigazione satellitare all’Europa.

È stato riavviato all’ultimo momento il lancio della navetta russa Soyuz che avrebbe dovuto portare in orbita i primi due satelliti del programma Galileo dell’Agenzia Spaziale Europea.

Il rinvio, causato da un’anomalia notata durante le operazioni di rifornimento del razzo, fa posticipare il lancio previsto dalla base di Koruz, nella Guyana francese, alle 12.34 odierne di almeno un altro giorno.

Il programma Galileo consentirà all’Europa di integrare quanto fatti dagli USA con il loro sistema GPS e darà modo di offrire ai cittadini del Vecchio Continente un’interessante alternativa, peraltro tutta europea, per quanto riguarda i servizi di posizionamento e navigazione satellitare, in modo da estendere la copertura attuale al 95% territorio e favorire il posizionamento in quei luoghi che oggi sono difficilmente raggiungibili dalle flotte satellitari in orbita.

A beneficiarne saranno i trasporti stradali, aerei, ferroviari e marittimi, oltre ad offrire importanti aiuti nella localizzazione di persone scomparse, beni rubati e in ogni tipo di attività di soccorso in cui l’ausilio dell’occhio elettronico dall’alto può diventare fondamentale.

Il programma Galileo sarà pronto a iniziare la propria attività nel 2014, anno entro cui altri sedici satelliti si aggiungeranno ai due che saranno lanciati nelle prossime ore.