F1: all’asta il motorhome di Schumacher

Il 26 ottobre verrà battuto all’asta l’autobus che ha accompagnato Schumacher dal 2001 al 2005

All'asta il motorhome di Schumacher

Altre foto »

Se cercate un mezzo particolare, inusuale e dal passato glorioso, allora segnatevi la data del 26 ottobre, quando RM Auctions metterà all'asta l'autobus che ha accompagnato Schumacher nel periodo che va dal 2001 al 2005. Il pulman in questione, è un Iveco Domino Ferrari con tanto di decalcomanie della Scuderia del Cavallino e livrea rosso Ferrari.

Particolare all'esterno, anche all'interno il veicolo è stato personalizzato per consentire lo svolgimento delle interviste, tramite il soggiorno dotato di telefono satellitare e televisore con schermo LCD, e per regalare momenti di relax attraverso il lettino dove il pilota tedesco era solito affrontare le sedute di fisioterapia.

Con 85.000 km all'attivo il bus ufficiale della Scuderia Ferrari si presenta in buone condizioni e pronto per macinare ancora tanta strada assicurando un comfort superiore grazie alle sospensioni idrauliche e agli ammortizzatori pneumatici. Certo, per accaparrarselo ci vorrà una somma superiore a quella di una 458 Italia, ma state sicuri che vi noteranno tutti.

Se vuoi aggiornamenti su F1: ALL’ASTA IL MOTORHOME DI SCHUMACHER inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 10 ottobre 2011

Vedi anche

Audi City Lab, protagonista alla Milan Design Week 2017

Audi City Lab, protagonista alla Milan Design Week 2017

Anche quest’anno, l’ Audi City Lab tornerà protagonista al del Fuorisalone che si svolgerà durante la Milan Design Week 2017.

Glickenhaus SCG 003S: alla caccia del record al Nurburgring

Glickenhaus SCG 003S: alla caccia del record al Nurburgring

La supercar presentata a Ginevra mira a diventare la più veloce tra le auto stradali al Nurburgring

Alcantara: nuovi investimenti e ambizioni per l’eccellenza Made in Italy

Alcantara: nuovi investimenti e ambizioni per l’eccellenza Made in Italy

Alcantara ha annunciato un ambizioso piano di investimenti che porterà l'azienda italiana ad un'ulteriore crescita.