Bugatti Atless Concept, un’auto con due anime

Il designer canadese Amadou Ndiaye ha realizzato una copncept su base Bugatti capace di trasformarsi da Granturismo a roadster da corsa.

Bugatti Atless Concept

Altre foto »

Il designer Amadou Ndiaye è riuscito ad unire le due anime che caratterizzano il marchio Bugatti (lusso e sportività) e che si fondono in una particolare quanto unica concept car, capace di cambiare le proprie forme da una lussuosa Granturismo ad una vettura da competizione.

L'eccentrico quanto innovativo prototipo che prende il nome di Bugatti Atless Concept, è stato chiaramente ispirato dalle mitiche Bugatti Atlantique e Type 35 che rappresentano in pieno le sue due anime "trasformiste". Lo studio di Ndiaye prevede infatti due diverse configurazione della Atless: la prima caratterizzata dalle forme di una GT a due posti, dotata di pannelli realizzati in materiale ultraleggero montati sul telaio della vettura.

Per ottenere la seconda configurazione, la scocca della vettura (composta da cofano, parafanghi, padiglione e parabrezza uniti in un unico elemento) può essere facilmente rimossa, trasformando la vettura in una sportivissima roadster da corsa, dotata di ruote scoperte e contraddistinta da un rapporto peso-potenza molto elevato.

Essendo solo un esercizio di stile, il designer canadese non ha rilevato le possibili caratteristiche tecniche della vettura, inoltre sembra decisamente lontana un'eventuale produzione, anche solo in piccola serie.

Se vuoi aggiornamenti su BUGATTI ATLESS CONCEPT, UN’AUTO CON DUE ANIME inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 01 luglio 2011

Vedi anche

NanoFlowcell Quant 48Volt Concept al Salone di Ginevra

NanoFlowcell Quant 48Volt Concept al Salone di Ginevra

Debutterà a Ginevra la concept NanoFlowcell Quant 48Volt caratterizzata da una tecnologia con batteria di flusso.

Italdesign Automobili Speciali: la hypercar per il Salone di Ginevra

Italdesign Automobili Speciali: la hypercar per il Salone di Ginevra

Le prime immagini e caratteristiche tecniche della supercoupé da 330 km/h che sarà prodotta in tiratura limitatissima.

Lotus Evora Sport 410: una "special" nel nome di James Bond

Lotus Evora Sport 410: una "special" nel nome di James Bond

40 anni fa, la Esprit S1 "anfibia" fu protagonista de "La spia che mi amava". Oggi, Lotus Exclusive la replica in chiave attuale con Evora Sport 410.