Spada Codatronca Monza: una roadster per stupire

La piccola azienda torinese presenterà al “Top Marques” di Monaco una evoluzione, in chiave roadster, della già estrema Codatronca.

Spada Codatronca Monza: una roadster per stupire

di Francesco Giorgi

24 marzo 2011

La piccola azienda torinese presenterà al “Top Marques” di Monaco una evoluzione, in chiave roadster, della già estrema Codatronca.

Quattro anni fa, il settore delle supercar estreme aveva accolto con una certa curiosità l’arrivo della Codatronca, esperimento stilistico realizzato dalla Spada Vetture Sport, piccola azienda fondata da Ercole Spada, affermato designer per Zagato al quale si deve lo stile delle Alfa TZ, TZ2, e dell’Aston Martin DB4Z.

Nel 2007, si può dire, la Spada Codatronca era stata una sorta di Ferrari FF ante litteram. Rispetto all’ultima GT del Cavallino non aveva la trazione su tutte le ruote, ma dalla sua possedeva un design dal profilo decisamente “spigoloso” e il motore centrale da 7 litri e 600 CV.

In questi giorni, la Spada Vetture Sport ha comunicato lo sviluppo di una evoluzione della Codatronca, in chiave roadster, che sarà presentata al Top Marques di Monaco, la kermesse dedicata alle più esclusive novità nel settore delle GT di prestigio in programma nel Principato dal 14 al 17 aprile.

La concept, dal nome evocativo – si chiamerà Monza – è stata creata, come il nome stesso indica, con l’obiettivo di sviluppare una vettura dal carattere “estremo”, per poter essere utilizzata nei track day. In pratica, una risposta italiana alla Radical SR4, ma che rispetto a questa si annuncia molto più potente ed esclusiva nel design.

Finora, infatti, le indicazioni si limitano a un’anticipazione stilistica. Non è nemmeno sicuro se la Spada abbia pensato a un piano di produzione (ovviamente in serie ultra limitata), anche se la Spada Vetture Sport è stata fondata – alla fine del 2006 – con l’obiettivo di realizzare delle supercar da quasi mezzo milione di euro, caratterizzate da una elevata potenza e un’immagine del tutto personale.

Possiamo, tuttavia, immaginare che il cuore pulsante della Monza sarà d’origine USA. Magari un bel big block V8 da 650 CV, mutuato (perché no?) dalla Corvette Z06: Un po’ come era accaduto, nel 2007, con la Codatronca.