Bertone Jaguar B99 concept al Salone di Ginevra

Al Salone di Ginevra i due marchi presentano un inedito prototipo 4 porte con tecnologia ibrida, in versione stradale (570 cv) e da pista (980 cv)

Bertone Jaguar B99 concept al Salone di Ginevra

Tutto su: Jaguar

di Lorenzo Stracquadanio

03 marzo 2011

Al Salone di Ginevra i due marchi presentano un inedito prototipo 4 porte con tecnologia ibrida, in versione stradale (570 cv) e da pista (980 cv)

Per celebrare i 99 anni (nel 2012) del marchio Bertone, il prestigioso brand italiano di design insieme a Jaguar hanno dato vita al concept B99 presentato in questi giorni al Salone di Ginevra 2011. Si tratta di una berlina dal design elegante e sinuoso, dotata di 4 porte con meccanismo di apertura “a libro” (in questa versione prototipale priva del montante centrale).

Lunga 4,5 m, larga 1,95 m, alta 1,35 m e con un’interasse di 2,8m, la Bertone Jaguar B99 concept vorrebbe nelle intenzioni del costruttore inserirsi nel segmento D, partendo da un’architettura tipica a 3 volumi e adottando materiali ultraleggeri come l’alluminio per molti elementi della carrozzeria, secondo la tradizione di un marchio come Bertone. 

Quanto ai propulsori l’inedito concept è spinto da due motori elettrici in grado di sviluppare da soli 400 cavalli, e affiancati da un motore termico da 1,4 litri sovralimentato da 170 cavalli. Il risultato è una potenza complessiva di 570 cavalli. Secondo quanto comunicato la vettura dovrebbe essere in grado di percorrere 700 km in piena autonomia (mista) su percorrenze autostradali mantenendo estremamente basse le emissioni di Co2 (30 g/km).

Il duo Bertone-Jaguar però non si è voluto fermare alla versione stradale, ma è andato oltre sviluppando una versione corsaiola concepita per correre competizioni di lunga durata (24ore Le mans o Nurburgring). Si tratta appunto della Bertone Jaguar B99 GT concept che partendo dalla versione sedan, ha subìto delle modifiche dentro e fuori per adattarsi all’uso in pista.[!BANNER]

L’assetto già molto basso è stato ulteriormente ridotto di 10 cm; sono stati adottati pneumatici da corsa Pirelli PZero 325/30/19 e una serie di accorgimenti aerodinamici (spoiler anteriori e posteriori, prese d’aria aggiuntive, ecc). Quanto al motore gli ingegneri hanno ben pensato di introdurre un ulteriore propulsore elettrico per la trazione integrale che porta la potenza complessiva a quota 980 cavalli.