Smart Vision EQ Fortwo: la mobilità del futuro sarà autonoma e condivisa

La tecnologica Smart vision EQ fortwo a guida autonoma anticipa il futuro del car sharing.

Smart Vision EQ Fortwo: la mobilità del futuro sarà autonoma e condivisa

Tutto su: smart

di Francesco Donnici

31 agosto 2017

In occasione del Salone di Francoforte, Smart ci regala un’interessante idea su come potrebbe essere la mobilità del futuro nella grandi aree metropolitane. Battezzata Smart Vision EQ Fortwo, questo futuristico concept vanta una meccanica a guida autonoma e permetterà di prendere le persone direttamente nelle loro case o dovunque esse si trovino.

Tramite un pannello luminoso posizionato nella zona anteriore della vettura (Black Panel Grille) e due pannelli laterali, la vettura potrà indicare la persona a cui darà il passaggio. La Vision EQ Fortwo potrà quindi trasportare fino a due persone che potranno rilassarsi o fare qualsiasi altra cosa durante il tragitto prescelto, mentre la vettura si occuperà di guidare in modo autonomo.

Questa speciale Smart non ha infatti nessun comando manuale per la guida (volante, pedali, etc.), con lo scopo di offrire un maggiore spazio all’interno dell’abitacolo. La Smart Vision EQ Fortwo è stata sviluppata partendo dai quattro fondamenti che compongono la cosiddetta strategia CASE: connettività (Connected), guida autonoma (Autonomous), uso flessibile (Shared & Services) e motore a trazione elettrica (Electric).

Quest’ultimo sfrutta una batteria da 30 kWh capace di promettere una buona autonomia d’esercizio in ambito cittadino. La vision EQ fortwo potrebbe quindi diventare la logica evoluzione degli attuali car sharing che attualmente spopolano nelle grandi città e, non a caso, proprio smart è uno degli attori principali di questo servizio con il suo “car2go”, particolarmente apprezzato anche in Italia e attualmente capace di contare su ben 2,6 milioni di clienti sparsi in tutto il mondo.