Rolls-Royce Phantom Serenity: esemplare unico a Ginevra 2015

Ispirata dalla tradizione giapponese, migliaia di ore di lavoro; seta preziosa, legnami pregiati e madreperla: in esposizione al Salone di Ginevra.

Rolls-Royce Phantom Serenity: esemplare unico a Ginevra 2015

Tutto su: Rolls-Royce Phantom

di Francesco Giorgi

05 marzo 2015

Ispirata dalla tradizione giapponese, migliaia di ore di lavoro; seta preziosa, legnami pregiati e madreperla: in esposizione al Salone di Ginevra.

La Rolls-Royce più preziosa (nell’impiego dei materiali) e dall’esecuzione più paziente (migliaia di ore di lavoro) fa bella mostra di sé, in questi giorni, al Salone di Ginevra 2015. Si tratta della Rolls-Royce Phantom “Serenity”, realizzata inesemplare unico attraverso il prolifico e superesclusivo programma di personalizzazione “Bespoke” scelto da molti clienti Rolls-Royce per rendere ciascuna delle Rolls che escono dalla factory di Goodwood un’opera d’arte su ruote a sé stante, e che negli ultimi mesi ha sfornato ben sette serie speciali: “Year of the Horse”, “Pinnacle Travel”, “Waterspeed”, “Metropolitan”, “Maharajah”, “Suhail Collection” e la recentissima Ghost “Mysore Collection” realizzata in appena tre esemplari unicamente per Abu Dhabi.

La Rolls-Royce Phantom “Serenity” ispira il proprio nome alla particolare nonché complicata tecnica di esecuzione dei lavori che deriva dalla antica tradizione giapponese “Junihitoe” nella preparazione degli abiti, che intende ispirare tranquillità, calma e serenità.  

Più nel dettaglio, la inedita Rolls-Royce Phantom “Serenity” si presenta verniciata in una esclusiva tinta carrozzeria “Bespoke Mother of Pearl” a effetto perlescente. La peculiarità di questa nuova colorazione sta tutta nel prezzo di esecuzione: gli artigiani di Goodwood indicano che la “Bespoke Mother of Pearl” è la tinta più costosa mai realizzata da Rolls-Royce, oltre a richiedere unlunghissimo tempo di esecuzione: soltanto per la lucidatura (“ovviamente” tutta a mano) sono state infatti necessarie ben dodici ore.

Altrettanto esclusivo (anzi: unico), e ispirato alle Rolls-Royce di inizio ‘900, l’abitacolo della sontuosa Rolls-Royce Phantom “Serenity” è stato interamente rivestito nella preziosa seta cinese di Suzhou: si tratta di un tessuto particolarmente pregiato e raro, oltre che inedito per impieghi automotive, nei quali di solito si preferisce l’impiego di pellami. Altrettanto laboriosa è stata la posa dei rivestimenti: la seta di Suzhou, dopo essere stata filata a mano, ha ricevuto dei disegni a motivi floreali (realizzati con pazienti ricami) opera di abili artigiani inglesi. A proposito di quest’ultimo particolare: per ogni pannello dell’abitacolo, indica Rolls-Royce, sono state impiegate la bellezza di 600 ore di lavoro. Ulteriori accenni grafici a motivi floreali (neanche a dirlo: fatti a mano…) sono presenti anche sui pannelli in “Smoked Cherrywood” mediante l’impiego dimadreperla tagliata con il laser. Da segnalare, infine, le rifiniture in pelle a tinta “Arctic White” per i sedili anteriori, i tappetini e il rivestimento del bagagliaio.