Skoda Atero Concept, la Rapid ha voglia di correre

26 studenti della della Skoda Academy hanno realizzato una concept sportiva molto grintosa su base Rapid.

Skoda Atero Concept, la Rapid ha voglia di correre

di Francesco Donnici

26 maggio 2016

26 studenti della della Skoda Academy hanno realizzato una concept sportiva molto grintosa su base Rapid.

Dalla Repubblica Ceca arriva la nuova Skoda Atero Concept, interessante prootipo di vettura sportiva frutto del lavoro di 26 studenti  – età media di 17 anni – della Skoda Academy di Mlada Boleslav, fucina da cui usciranno i designer di domani.

Il nome “Atero” di questo particolare prototipo  deriva dalla parola latina “Ater”, ovvero nero opaco, mentre la base del progetto deriva dalla media due volumi Rapid Spaceback, opportunatamente trasformata dagli studenti in una vettura dal carattere sportivo.

Per realizzare la vettura gli studenti Skoda hanno impiegato circa 1.700 ore, mentre il lavoro è iniziato alla fine dello scorso anno. Rispetto alla Rapid da cui deriva, la Atero ha “perso” le portiere posteriori, ha adottato portiere anteriori più lunghe di 100 mm  e guadagnato nella zona posteriore un’unica superficie vetrata che ingloba cristalli e lunotto, con quest’ultimo molto inclinato, capace di conferire alla vista d’insieme un aspetto da coupé. Di nuova concezione anche il paraurti posteriore che ora ingloba l’inedito doppio scarico cromato, preso in prestito dalla sportivissima Octavia vRS 230.

Proprio come suggerisce il nome del modello, il corpo vettura sfoggia una livrea nera opaca, impreziosita da numerosi dettagli e appendici aerodinamiche di colore rosso, tra cui lo splitter e la mascherina anteriore, lo [glossario:spoiler] posteriore e l’estrattore d’aria, le [glossario:minigonne] e gli  specchietti laterali. Non mancano inoltre numerose luci Led dedicate alle feritoie del cofano motore e addirittura sotto la vettura, in vero e proprio stile “tuning”. Il kit estetico viene completato dagli speciali cerchi da 18 pollici della Octavia RS, personalizzati in nero con un profilo rosso.

La colorazione bicolore nero-rosso viene ripresa anche all’interno dell’abitacolo  dove la troviamo su volante, rivestimento dei sedili e pannelli delle porte, mentre il grande tetto panoramico offre un’abbondante luminosità. L’operazione di “customizzazione” trova il suo apice nel potentissimo impianto audio forte di ben 1.800 watt installato nel bagagliaio che, insieme al già citato scarico sportivo privato di [glossario:catalizzatore] e deflettori, contribuisce a non far passare inosservata la vettura.

Sotto il cofano della Skoda Atero è stato installato il quattro cilindri 1.4 TSI da 125 CV scaricati sulla trazione anteriore  e gestiti da una trasmissione  doppia frizione DSG.