Bugatti 16 C Galibier Concept

Svelata in occasione dei festeggiamenti per i 100 anni la Bugatti 16 C Galibier Concept. E' la nuova quattro porte del Marchio di Molsheim

Bugatti 16 C Galibier Concept

Altre foto »

A Molsheim hanno centellinato l'attesa in tutti questi anni con alcune versioni più o meno speciali della Veyron 16.4, ma finora l'emozione di una nuova Bugatti era stata rimandata. A parte la novità della versione "targa" Grand Sport, la Veyron dal 2005 ad oggi è rimasta l'auto più straordinaria sul pianeta, ma l'unica a rappresentare il glorioso marchio francese nell'era moderna.

Fino a sabato scorso, quando in occasione del Concours d'Elegance conclusivo dei festeggiamenti per i 100 anni del marchio fondato da Ettore Bugatti allo Chateau St. Jean di Molsheim, è stata presentata la Bugatti 16 C Galibier Concept.

Sarà la "più esclusiva, elegante e potente quattro porte del mondo" sostengono in Alsazia, anche perché è imparentata con due delle auto più importanti della storia dell'automobile. Nello stile con la Type 35 e Type 57 (interpretata anche dal carrozziere francese Galibier, ed ecco spiegato il nome e il perché della originale forma a "due volumi") e nella meccanica appunto con la Veyron 16.4, da cui eredita il motore.

Il W16 da 8 litri ospitato sotto il cofano della 16 C Galibier (a due ante incernierato longitudinalmente, come si faceva all'inizio del secolo) ha però due turbocompressori e non quattro, con una potenza che dovrebbe attestarsi intorno agli 800 CV. La sua natura, a differenza della potentissima Veyron, sarà infatti un po' più tranquilla, tanto che al posto del cambio sequenziale a doppia frizione c'è un automatico a convertitore di coppia a 8 velocità. In più può funzionare anche a bioetanolo.

La trazione sarà sempre integrale, mentre per il reparto frenante verranno impiegati dischi carboceramici. Lo chassis è costruito con un misto di alluminio e carbonio, con quest'ultimo materiale che è stato impiegato anche per parte della scocca, mentre portiere e passaruota anteriori sono in alluminio lucidato.

Davvero da sogno gli interni in stile minimal-retrò, un tripudio di radica e pellami pregiati con una strumentazione ridotta al minimo: una piccola palpebra raccoglie gli altri indicatori, separati da tachimetro (fondo scala a 390 km/h!) e contagiri che sono sistemati sulla plancia insieme ad un orologio realizzato dall'artigiano svizzero Parmigiani che si può staccare ed indossare.

A presentare la 16 C Galibier c'era il presidente Franz-Josef Paefgen, che ha dichiarato che questa è una di alcune concept car alle quali Bugatti si ispirerà per il futuro della marca. Dovrà convincere infatti i futuri potenziali acquirenti, a cui verrà mostrata privatamente (una prassi abituale per auto del genere), prima di arrivare su strada, probabilmente nel 2013.

Se vuoi aggiornamenti su BUGATTI 16 C GALIBIER CONCEPT inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Vedi anche

Lotus Evora Sport 410: una "special" nel nome di James Bond

Lotus Evora Sport 410: una "special" nel nome di James Bond

40 anni fa, la Esprit S1 "anfibia" fu protagonista de "La spia che mi amava". Oggi, Lotus Exclusive la replica in chiave attuale con Evora Sport 410.

SsangYong XAVL Concept: i primi render

SsangYong XAVL Concept: i primi render

Al salone di Ginevra un Suv a sette posti di segmento medio-alto, caratterizzato da un design particolarmente ricercato. La vedremo in produzione?

Citroen SpaceTourer 4x4 E Concept al Salone di Ginevra

Citroen SpaceTourer 4x4 E Concept al Salone di Ginevra

Una concept anticipa le possibili novità che Citroen proporrà in futuro sui propri modelli per quel che riguarda comfort e tecnologia di bordo.