Maserati Alfieri Concept al Salone di Ginevra

La Casa del tridente presenta un’inaspettata concept chiamata ad anticipare le forme della futura GranTurismo.

Maserati Alfieri Concept

Altre foto »

Maserati sorprende appassionati e addetti ai lavori diramando le  prime immagini ufficiali relative  alla nuova ed affascinante Maserati Alfieri, un prototipo di Granturismo 2+2 realizzata per  festeggiare i 100 anni della Casa del tridente e che sarà svelata in forma ufficiale in queste ore, in occasione del Salone di Ginevra 2014 (4-16 marzo).

Un omaggio alla Maserati

Il nome Alfieri è un chiaro omaggio ad uno dei fratelli che hanno fondato la Maserati, oltre ad essere noto per la sua passione e il suo impegno nelle corse automobilistiche degli anni '20. La Maserati Alfieri Conceprt non è un semplice esercizio di stile, ma una vettura funzionante al 100%, grazie ad una meccanica presa in prestito dalla produzione di serie. Difficile non sorgere in questo prototipo l'erede della futura Maserati GranTurismo, nata nel 2007 e ormai prossima alla pensione.

Uno sguardo al passato per progettare il futuro

Il processo di sviluppo della Maserati Alfieri ha preso il via la scorsa estate, quando ai progettisti della Casa modenese  è stato chiesto di realizzare una inedita concept-car per il centenario della Maserati partendo da un foglio bianco. Per realizzare la Alfieri i designer si sono ispirati ad una delle più affascinanti vetture di tutti i tempi , ovvero  la Maserati A6 GCS -53 disegnata da Pininfarina nel 1954.

Forme compatte e slanciate

Lunga  4.590 millimetri, larga 1.930 mm, alta 1.280 mm e con un passo di  2.700 mm, la Alfieri sfoggia un'estetica sportiva e contemporaneamente elegante. Il corpo vettura si distingue per il lungo e spiovente cofano dotato di due generose nervature che termina con la tipica "bocca" Maserati, impreziosita da sei listelli cromati che fanno da contorno al simbolo del tridente. La mascherina separa i sottili proiettori con tecnologia LED che ricordano lo sguardo di un felino pronto a scattare in qualsiasi momento, così come i fianchi larghi e i generosi passaruota capaci di trasmettere un elevato senso di potenza.  Di particolare pregio risultano anche i cerchi in lega realizzati ad hoc per la Alfieri, che ricordano le classiche ruote a raggi degli anni '50:  forgiati da singoli elementi in alluminio, questi speciali cerchi misurano 20 pollici di diametro all'anteriore e 21 pollici al posteriore. La coda della vettura, corta e bombata, si raccorda con il lunotto estremamente inclinato, mentre i gruppi ottici posteriori  si uniscono alla presa d'aria inferiore e al profilo della carrozzeria, formando una sorta di "boomerang". La zona inferiore del paraurti non nasconde nessun Estrattore d'aria "esagerato, ma ospita in modo semplice ed elegante i due scarichi laterali dalla forma ovale.

Meccanica potente e collaudata

Sotto il cofano di questa affascinante concept si nasconde la meccanica di serie della Maserati Granturismo, caratterizzata dalla presenza del  V8 4.7 litri da 470 CV e 520 Nm di coppia massima, scaricati sulla trazione posteriore tramite il cambio elettro-attuato MC-Shift, dotato di sei rapporti. L'impianto frenante con dischi in carboceramica sono stati presi in prestito dalla sportivissima GranTurismo MC Stradale e risultano abbinati a delle pinze-freno  di colore firmate Brembo.

Se vuoi aggiornamenti su MASERATI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 04 marzo 2014

Altro su Maserati

Maserati: la Alfieri rinviata al 2020
Anteprime

Maserati: la Alfieri rinviata al 2020

Maserati sembra aver rinviato al 2020 il debutto della Alfieri, originariamente attesa per quest'anno.

Maserati ad Auto e Moto d’Epoca 2016
Eventi

Maserati ad Auto e Moto d’Epoca 2016

Maserati espone a Padova passato e presente, grazie a storici modelli come la Birdcage Tipo 61 e il nuovo suv Levante.

Maserati elettrica, al debutto entro il 2020
Ecologiche

Maserati elettrica, al debutto entro il 2020

Anche Maserati si dice interessata alla propulsione elettrica, tanto da voler lanciare un proprio modello a zero emissioni entro il 2020.