Renault Initiale Paris Concept, svelata a Francoforte

L’ultima creazione del designer Laurens van den Acker riformula il concetto di spazio applicato ad una automobile e lo rende divertente.

Renault Initiale Paris Concept, svelata a Francoforte

di Francesco Donnici

12 settembre 2013

L’ultima creazione del designer Laurens van den Acker riformula il concetto di spazio applicato ad una automobile e lo rende divertente.

Renault svela al Salone di Francoforte 2013 (12-22 settembre) la Initiale Paris Concept, avveniristico prototipo, a metà tra una monovolume ed un crossover che anticipa con ogni probabilità l’ormai attesa erede della Espace. Questa concept completa l’ultimo tassello di sei innovativi prototipi creati dal designer Laurens van den Acker, chiamati a rappresentare altrettanti stili di vita tramite le proprie caratteristiche progettuali.

>> Guarda le immagini ufficiali della Renault Initiale Paris Concept

Design: un corpo vettura fuori dagli schemi

Lunga 4,85 metri, la Initiale Paris si presenta come una nuova interpretazione di vettura premium che si distingue per la comodità e la versatilità del suo abitacolo, mescolate al dinamismo delle forme e alla tecnologia dei numerosi dispositivi multimediali presenti. Le forme del corpo vettura sono un gioco di lamiere scolpite e muscolose che si raccordano con l’aggressività di alcuni dettagli, come i cerchi da 23 pollici, alla delicatezza delle superfice vetrate che incorniciano il perimetro della vettura con un taglio dei finestrini originale e donano luce all’abitacolo attraverso lo speciale tetto in cristallo con grafica dedicata.

Interni: stupisce in modo intelligente

L’abitacolo della vettura – ricco di sfumature cromatiche di sicuro effetto –  risulta chiaramente ispirato al mondo aeronautico e più in particolare a quello dei Business jet, a causa del particolare cockpit della plancia e della strumentazione digitale nascosta dietro il volante, oltre che per i sedili singoli fissati al tunnel centrale. Una nota particolare merita la consolle centrale che si protrae fino ai sedili posteriori e risulta sospesa e priva di agganci al pianale. Particolare attenzione è stata riservata alla modularità, specie nell’ultima fila, dove troviamo una panca realizzata con lamine mobili e indipendenti tra loro, in modo da soddisfare varie esigenze di spazio. Oltre ad essere una vettura curata nello stile e nella versatilità, la Initiale Paris offre ai propri passeggeri un impianto audio davvero da primato: si tratta di un impianto Bose realizzato in collaborazione con il designer acustico Andrea Cera, capace di offrire un suono pulito e fluido attraverso l’uso di otto diffusori  esclusive Personal Surround, sette  bass-reflex Bose, due diffusori integrate per i bassi e un potente  amplificatore digitale da 12 canali.

­La Renault Initiale viene equipaggiata con un poderoso ma compatto propulsore diesel dCi dotato di due turbo compressori, in grado di offrire l’abbondante coppia di 400 Nm. LE performance del motore vengono gestiti dalla trasmissione automatica a sei rapporti EDC, abbinata al comando shift-by-wire.