Subaru WRX e Viziv Concept al Salone di Francoforte

Subaru porterà anche al Salone di Francoforte il crossover ibrido Viziv, affiancandolo inoltre con la WRX Concept.

Subaru WRX e Viziv Concept al Salone di Francoforte

di Giuseppe Cutrone

29 luglio 2013

Subaru porterà anche al Salone di Francoforte il crossover ibrido Viziv, affiancandolo inoltre con la WRX Concept.

Saranno due concept le vetture che Subaru porterà al Salone di Francoforte il prossimo settembre. Il costruttore giapponese ha annunciato infatti il debutto della WRX Concept e la riproposizione della Viziv, il cui nome indica l’espressione “Vision for Innovation”. 

La Subaru WRX Concept è una sorta di evoluzione dell’omonimo modello attuale e sarà presentata in Germania in anteprima assoluta per il pubblico europeo. Lo stile del prototipo punta su volumi muscolosi e linee decise, con la coda caratterizzata da quattro neon gialli che rendono originali i terminali di scarico posizionati ai lati del diffusore. 

La coupé Subaru è lunga 4,52 metri e larga 1,89, mentre l’altezza è di 1.39 metri. Come tradizione per il marchio, la propulsione è affidata ad un motore boxer e alla trazione integrale permanente che sfrutta lo schema “Symmetrical AWD“, cioè una soluzione capace di migliorare, nelle intenzioni del costruttore, le potenzialità dinamiche del veicolo e il piacere di guida. 

>> Guarda le foto della Subaru Viziv Concept

La seconda concept, la Subaru Viziv già vista al Salone di Ginevra, è un crossover ibrido che unisce ad un motore [glossario:boxer] diesel tre propulsori elettrici.

Dal punto di vista estetico si può dire che la forma a cuneo della vettura rende l’insieme aerodinamico e i passaruota generosi la fanno apparire visivamente ben “posata” a terra, mentre il comparto tecnico prevede che due dei tre motori elettrici siano sistemati nelle ruote posteriori affiancando il turbodiesel di due litri, il quale è abbinato a sua volta ad un cambio automatico Lineartronic a variazione continua dei rapporti.

Il terzo motore elettrico è invece utilizzabile sia come generatore di energia per aumentare l’autonomia, che come propulsore vero e proprio capace di aumentare la potenza e la coppia complessive a disposizione del guidatore.