Infiniti LE Concept: nuova berlina elettrica

Infiniti ha mostrato al Salone di New York la LE Concept, prototipo che anticipa una futura berlina elettrica di classe media in arrivo nel 2014.

Infiniti LE Concept al Salone di New York 2012

Altre foto »

La Infiniti LE Concept ha debuttato in queste ore al Salone di New York in attesa di arrivare sul mercato entro il 2014, anno in cui il marchio di lusso di casa Nissan ha fissato l'inizio della commercializzazione di questa berlina elettrica di medie dimensioni.

Il prototipo presentato al salone americano continua sulla scia della Emerg-e Concept vista al Salone di Ginevra 2012 e anticipa il primo veicolo elettrico di Infiniti ed è realizzato sulla stessa piattaforma della Nissan Leaf. Lo stile della LE Concept contiene numerosi elementi che regalano un forte senso di dinamismo, con linee tese e tratti decisi che "movimentano" l'aspetto della berlina rendendo fortemente personale soprattutto la parte anteriore, mentre le fiancate sono caratterizzate dal profondo solco che delinea la linea di cintura in grado di unire idealmente il frontale con la coda, dove spiccano i gruppi ottici di forma triangolare che danno l'impressione di essere come incastonati nella carrozzeria.

Lo studio da cui nasce il design della Infiniti LE Concept non ha solamente una valenza estetica, o emozionale se si preferisce, ma incide anche sull'efficienza aerodinamica, tanto che la casa giapponese dichiara un Cx di 0.25 per la sua berlina elettrica, la quale presenta anche delle apposite schermature per i cerchi in lega necessarie per diminuire ogni tipo di resistenza all'avanzamento data dall'attrito con l'aria.

L'andamento avvolgente e ondulato delle linee si ritrova anche nell'abitacolo, il quale, differentemente dai consueti standard dei prototipi da salone, appare abbastanza tradizionale, con le uniche concessioni hi-tech dovute al doppio schermo del sistema multimediale sistemato al centro della console e dalla luce Infiniti EV Blu soffusa che crea un bell'effetto ottico.

Questa soluzione è stata voluta dai tecnici per fornire delle informazioni differenziate nello stesso momento al conducente e ai passeggeri, mentre dal punto di vista funzionale si notano la funzione di connettività Internet e la capacità di calcolare l'autonomia residua della batteria e di indicare la disponibilità di eventuali punti di ricarica nelle vicinanze, possibilità data ovviamente dalla connessione con un database remoto.

Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche, la Inifiniti LE Concept è dotata di batterie al litio da 24 kWh che, oltre ad essere ricaricabili tramite un normale collegamento via cavo, sono compatibili con il sistema di ricarica wireless che consente il passaggio della corrente da un pannello posizionato a terra al ricevitore installato sulla vettura mediante induzione.

A New York Infiniti ha annunciato diversi servizi per la sua prima berlina elettrica, tutti in grado di far leva sulla capacità di connettersi alla Rete. Tra le funzioni offerte ci sarà ad esempio la possibilità di prenotare da remoto un parcheggio o una sosta presso una stazione di ricarica, oltre alla compatibilità con l'infiniti Personal Assistant 24-hour Concierge Service, novità della quale il costruttore non ha per adesso illustrato il funzionamento.

 

Se vuoi aggiornamenti su INFINITI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Cutrone | 06 aprile 2012

Altro su Infiniti

Infiniti Q60 Neiman Marcus: l’edizione speciale per il nuovo catalogo
Ultimi arrivi

Infiniti Q60 Neiman Marcus: l’edizione speciale per il nuovo catalogo

La nota catena di distribuzione di lusso presenta nel suo catalogo natalizio un’esclusiva versione speciale della coupé giapponese.

Infiniti: i prezzi della nuova Q50
Ultimi arrivi

Infiniti: i prezzi della nuova Q50

Infiniti comunica i prezzi della nuova Q50: si parte dai 38.950 euro della 2.2d.

Infiniti VC-T: il primo motore a rapporto variabile di compressione
Tecnica

Infiniti VC-T: il primo motore a rapporto variabile di compressione

Annunciato come un sistema alternativo ai dispositivi di disattivazione dei cilindri, dal Salone di Parigi in poi ha stupito gli addeti ai lavori.