Zonda 760 RS: la Pagani misteriosa

La factory Pagani sarebbe al lavoro su una Zonda particolarmente esclusiva che risponde al nome di 760 RS.

Pagani Zonda Cinque Roadster

Altre foto »

Nonostante l'arrivo della Huayra ancora si parla di lei, della Zonda, e non potrebbe essere altrimenti visto che la prima supercar creata da Horacio Pagani ha raccolto elogi in tutto il mondo. Adesso sul web è apparsa una foto di una Zonda a dir poco particolare, che risponde al nome di 760 RS.

Le prime indiscrezioni, riportate dai colleghi di GTspirit.com, imputano l'origine di questa vettura ad una diversa declinazione della Zonda 750, avvenuta in seguito ai cambiamenti dei piani d'acquisto del cliente. A giudicare dal corpo vettura interamente in carbonio e dalla forma di alcuni particolari, quest'auto sembra essere costruita sulla base della Zonda Cinque piuttosto che sulla F, il modello che molti avevano indicato come base per la 750.

Come suggerisce il nome, la potenza dovrebbe essere di 760 CV, un valore superiore persino a quella della Hauyra, che consentirebbe a questa Zonda dal carattere estremo di toccare in 100 km/h in meno di 3 secondi e di superare i 350 km/h di velocità massima.

Al momento però non c'è nulla di ufficiale, ma a giudicare dalle immagini, viene da pensare che questa vettura possa rappresentare il degno canto del cigno di una supercar straordinaria come la Zonda.

Se vuoi aggiornamenti su ZONDA 760 RS: LA PAGANI MISTERIOSA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 19 marzo 2012

Vedi anche

Italdesign: nuovo teaser del concept per Ginevra

Italdesign: nuovo teaser del concept per Ginevra

Svelato un dettaglio del concept in arrivo al Salone di Ginevra 2017.

Infiniti QX50 Concept, nuovo suv a Detroit

Infiniti QX50 Concept, nuovo suv a Detroit

Infiniti presenta al Salone di Detroit la nuova QX50 Concept, modello che anticipa il futuro SUV medio premium.

Volkswagen ID Buzz Concept al Salone di Detroit 2017

Volkswagen ID Buzz Concept al Salone di Detroit 2017

L’erede spirituale del mitico Bulli vanta una sofisticata meccanica elettrica e risulta dotato dell’ormai immancabile guida autonoma.