Bertone Nuccio, a Pechino con un V8 da 438 CV

Terminata la kermesse svizzera, la Nuccio Bertone volerà a Pechino con un potente propulsore da 438 CV.

Bertone Nuccio, a Pechino con un V8 da 438 CV

di Francesco Donnici

13 marzo 2012

Terminata la kermesse svizzera, la Nuccio Bertone volerà a Pechino con un potente propulsore da 438 CV.

La futuristica concept-car Bertone Nuccio – realizzata per celebrare i 100 anni del centro stile italiano – sta riscontrando apprezzamento tra il pubblico e gli addetti ai lavori che hanno avuto l’occasione di ammirarla in questi giorni al Salone di Ginevra 2012.

L’esemplare presente alla manifestazione svizzera è un modello in scala reale realizzato in resina e privo di propulsore. Al Salone di Pechino 2012, il prossimo aprile, la sportiva italiana verrà esposta invece con un potente V8 4.3 litri in posizione centrale, capace di 438 CV. Successivamente tornerà in Italia per essere esposta ad una mostra del Museo dell’Automobile di Torino ed infine giungerà prima ad un Concorso a Laguna Seca, negli Stati Unti e poi alla mostra Unique Special Ones di Firenze.

Dedicata a Giuseppe “Nuccio” Bertone (figlio del fondatore Giovanni), questa futuristica concept nasce dalla geniale matita di Michael Robinson, capo del centro stile torinese, e s’ispira al famoso prototipo “Zero” del 1970 che ha anticipato la mitica Lancia Stratos HF.