Yo-Auto: le ibride dalla Russia

La Yo-Auto presenterà a Francoforte tre concept-car ibride dalle linee tecnologiche e aerodinamiche. Propulsione ibrida e porte scorrevoli.

Yo-Auto: le ibride dalla Russia

di Luca Gastaldi

02 settembre 2011

La Yo-Auto presenterà a Francoforte tre concept-car ibride dalle linee tecnologiche e aerodinamiche. Propulsione ibrida e porte scorrevoli.

Ebbene sì. Anche i russi si stanno affacciando sempre più sul vasto mondo delle quattro (o più) ruote. Al prossimo Salone di Francoforte 2011 i riflettori saranno puntati sul costruttore russo Yo-Auto. 

SI tratta di un’azienda nata dalla joint venture tra la Yarovit – che produce mezzi pesanti – e il gruppo di investimenti Onexim del milionario Mikhail Prokhorov. La Yo-Auto, oltre ad avere nei suoi piani l’intenzione di produrre (in un impianto vicino a San Pietroburgo) una utilitaria ibrida da vendere a meno di 10mila dollari, presenterà a Francoforte tre nuovi veicoli ibridi.

Queste Yo-Concept, non destinate alla produzione ma che dovrebbero prefigurare a grandi linee le Yo-Mobiles del 2012, hanno la struttura di una coupé, di una berlina e di un van compatto. L’impressione generale che si ha osservando le immagini di questa concept-car è di un prodotto altamente tecnologico, dallo stile pulito, razionale ed aerodinamico. Molto vicino a quello di alcune creazioni firmate dalla Pininfarina, come la Nido.

Sicuramente sembrano fatte appositamente per ospitare un sistema di propulsione elettrica o quantomeno ibrida, ma i particolari che più incuriosiscono sono le portiere laterali e il loro sistema di apertura. Queste, infatti, scivolano letteralmente verso la parte posteriore del veicolo compiendo un movimento verso l’alto e contemporaneamente verso il centro della carrozzeria per sovrapporsi sulla coda dopo essere passati sotto ai montanti posteriori. Un notevole esercizio di stile che, come spesso accade, non avrà molte possibilità di tradursi in realtà.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...