Ferrari design contest, i concept italiani

Nonostante la vittoria dei coreani hanno ben figuarato le proposte dell'Istituto europeo di design di Torino: Xezri, Pegaso ed Ethesian

Ferrari World Design Contest 2011

Altre foto »

A vincere il Ferrari world design contest 2011 è stato un team di studenti coreani, ma alla competizione hanno preso parte 50 scuole da ogni parte del mondo per oltre 200 progetti totali. Dietro i coreani sono arrivati gli studenti dell'Istituto europeo di design di Torino, facendo quindi ben figurare la compagine tricolore.

Tre i modelli dello Ied ammessi alla fase finale del contest su un totale di 11 progetti. A cominciare da Xezri, studio di una Ferrari unica nel design e nelle proporzioni, che porta la firma di uno studente straniero Samir Sadikhov. Tutti italiani invece li altri due progetti denominati Pegaso - grazie al lavoro di tre studenti Giuseppe Ceccio, Giacomo Pierin e Matteo Politano - ed Ethesian (in foto, disegnata da Alessandro Nardolillo).

Chi non ha potuto partecipare alla premiazione del Ferrari world design contest 2011 potrà comunque ammirare da vicino i modelli in questione proprio nella sede dello Ied torinese in occasione della mostra Apriti IED - Naturally Powerful 2011, aperta al pubblico fino a fine settembre.

Se vuoi aggiornamenti su FERRARI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Lorenzo Stracquadanio | 22 luglio 2011

Altro su Ferrari

Ferrari 488 GTB by Liberty Walk
Tuning

Ferrari 488 GTB by Liberty Walk

Dal Giappone arriva un’interessante interpretazione della Ferrari 488 GTB firmata dal tuner Liberty Walk.

Ferrari J50: 10 esemplari solo per il Giappone
Anteprime

Ferrari J50: 10 esemplari solo per il Giappone

Una fuoriserie per celebrare i 50 anni del Cavallino Rampante nel paese del Sol Levante.

Ferrari 488 Challenge: versione racing da 670 cavalli
Motorsport

Ferrari 488 Challenge: versione racing da 670 cavalli

Presentata a Daytona la nuova Ferrari 488 Challenge da 670 CV: sarà impiegata nell'edizione numero 25 del monomarca di Maranello.