Ferrari design contest, i concept italiani

Nonostante la vittoria dei coreani hanno ben figuarato le proposte dell'Istituto europeo di design di Torino: Xezri, Pegaso ed Ethesian

Ferrari World Design Contest 2011

Altre foto »

A vincere il Ferrari world design contest 2011 è stato un team di studenti coreani, ma alla competizione hanno preso parte 50 scuole da ogni parte del mondo per oltre 200 progetti totali. Dietro i coreani sono arrivati gli studenti dell'Istituto europeo di design di Torino, facendo quindi ben figurare la compagine tricolore.

Tre i modelli dello Ied ammessi alla fase finale del contest su un totale di 11 progetti. A cominciare da Xezri, studio di una Ferrari unica nel design e nelle proporzioni, che porta la firma di uno studente straniero Samir Sadikhov. Tutti italiani invece li altri due progetti denominati Pegaso - grazie al lavoro di tre studenti Giuseppe Ceccio, Giacomo Pierin e Matteo Politano - ed Ethesian (in foto, disegnata da Alessandro Nardolillo).

Chi non ha potuto partecipare alla premiazione del Ferrari world design contest 2011 potrà comunque ammirare da vicino i modelli in questione proprio nella sede dello Ied torinese in occasione della mostra Apriti IED - Naturally Powerful 2011, aperta al pubblico fino a fine settembre.

Se vuoi aggiornamenti su FERRARI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Lorenzo Stracquadanio | 22 luglio 2011

Altro su Ferrari

Ferrari 488 Challenge: versione racing da 670 cavalli
Motorsport

Ferrari 488 Challenge: versione racing da 670 cavalli

Presentata a Daytona la nuova Ferrari 488 Challenge da 670 CV: sarà impiegata nell'edizione numero 25 del monomarca di Maranello.

Ferrari: celebra i 70 anni con 70 livree speciali
Anteprime

Ferrari: celebra i 70 anni con 70 livree speciali

La Casa di Maranello proporrà 70 colorazioni per ognuno dei 5 modelli in listino

Ferrari: ricorso per la penalizzazione di Vettel nel GP del Messico
Motorsport

Ferrari: ricorso per la penalizzazione di Vettel nel GP del Messico

Il team di Maranello torna all’attacco in seguito alle vicende messicane