Il Gruppo PSA punta forte sui van

L’obiettivo è quello di consolidare la quota di mercato del 30% nel Vecchio Continente con le nuove generazioni.

Il Gruppo PSA punta forte sui van

di Valerio Verdone

27 giugno 2018

Sempre proiettato al futuro, il Gruppo PSA ha l’ambizione di continuare ad essere leader del mercato dei van nel Vecchio Continente dove detiene oltre il 30% di quota. Così, si appresta a realizzare i nuovi Peugeot Partner, Citroen Berlingo Van e Opel Combo.

Si tratta di mezzi che prendono forma partendo dalla piattaforma EMP2 costruiti negli impianti di Vigo, in Spagna, e di Mangualde, in Portogallo, dove verranno realizzati anche veicoli Opel e Vauxhall.

Chiaramente, tutto ciò comporta un aumento della forza lavoro, così a Mangualde si prevedono 225 assunzioni, mentre a Vigo si parla di 900 nuovi assunti. Infatti, questi impianti sono stati profondamente trasformati per poter costruire i nuovi Peugeot Partner, Citroen Berlingo e Opel Combo.

I modelli presentano equipaggiamenti inediti per migliorare anche la sicurezza attiva, per questo sono previste le funzioni di aiuto alla guida e alla manovra. Ma ovviamente saranno anche più confortevoli grazie alla regolazione lombare ed all’insonorizzazione ed avranno capacità di carico ampia e ben sfruttabile.

Saranno diverse le dimensioni generali, per avere un carico utile da 650 kg a 1000 kg; quindi, nello specifico sono previste due lunghezze, rispettivamente di 4,40 e 4,75 metri, ed un diverso numero di posti, che va da 2 a 3 fino ad arrivare a 5.

I nuovi veicoli saranno commercializzati in 100 paesi e si potranno ordinare in Europa a partire dal mese di settembre. “Questa nuova generazione di van segna un’era di rinnovamento della nostra gamma. La nostra offerta è moderna, i nostri veicoli sono efficienti, studiati per rispondere agli usi più esigenti dei nostri clienti, e regalare un’esperienza cliente unica. Intendiamo consolidare la nostra leadership in Europa e continuare a esportare il nostro savoir faire negli altri continenti”, ha spiegato Philippe Narbeburu, Direttore Business Unit Veicoli Commerciali.