DriveNow, in arrivo a Milano il car sharing del Gruppo Bmw

Il nuovo servizio di car sharing del Gruppo Bmw debutterà a Milano il prossimo 19 di ottobre

Nuova MINI 5 Porte: primo contatto

Altre foto »

Il car sharing nella città di Milano si arricchirà il 19 ottobre con l'arrivo di DriveNow, inedito sistema di soleggio frutto della partnership tra il Gruppo Bmw e SIXT SE.

La flotta DriveNow  punta quindi a dare una mano ai milanesi negli spostamenti cittadini grazie ad  un sistema di noleggio in modalità free float, disponibile in qualunque momento e senza necessità di prenotazione. DriveNow metterà ben 480 vetture Bmw (Serie 1, Serie 2 Active Tourer e Serie 2 Cabrio) e Mini (Mini Clubman, Mini 5 porte e Mini Cabrio) che circoleranno su un'aerea di di 126 km2 compresa tra il quartiere Gratosoglio a sud, la stazione di Milano Bruzzano a nord, il cimitero di Lambrate a est e il parco divertimenti Acquatica Park a ovest. Entro la fine del 2016 verranno introdotte anche 20 BMW i3 elettriche e verrà inclusa l'area operativa degli aeroporti di Milano Linate e Malpensa.

"Con circa due milioni di persone che abitano o transitano ogni giorno in città, un traffico ad alta densità e una particolare ricettività dei cittadini all'adozione di servizi di car sharing, Milano rappresenta la metropoli ideale per l'ingresso di DriveNow nel nostro Paese," afferma Andrea Leverano, Managing Director DriveNow Italia. "Siamo quindi estremamente soddisfatti di poter entrare in questo mercato, certi che il nostro servizio possa rappresentare un'importante integrazione al fine di costruire un vero e proprio modello di intermobilità cittadina".

Durante la fase di lancio, l'iscrizione e i primi 20 minuti di guida saranno gratuiti, mentre successivamente la registrazione avrà un costo di 29 euro. La tariffa base al minuto varia da 31 a 34 centesimi e comprende i costi di benzina, assicurazione, parcheggio (strisce blu, strisce gialle) e AREA C. Durante il noleggio è possibile sostare in qualsiasi parcheggio consentito al costo di 20 centesimi al minuto. Se si lascia la vettura nell'area verde la sosta è gratuita, mentre se si lascia l'auto nell'area esterna gialla a pagamento, bisognerà pagare un extra di 4,90 euro.

"Il nostro obiettivo primario è offrire ai nostri utenti la possibilità di vivere una nuova esperienza con un servizio di car sharing innovativo, flessibile e di alta qualità," conclude Andrea Leverano. "Siamo convinti che la presenza di un'ampia scelta di opzioni di mobilità, tra cui una valida alternativa alle auto private come DriveNow, contribuirà ad alleviare il problema del traffico in città".

Se vuoi aggiornamenti su BMW inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 05 ottobre 2016

Altro su BMW

Bmw M2: tuning di sostanza secondo Dahler
Tuning

Bmw M2: tuning di sostanza secondo Dahler

La factory bernese completa la gamma Bmw M2: dopo l’esemplare unico M2 Cabrio, arrivano la M2 Coupé e la M2 Clubsport. Ce n’è per tutti i gusti.

Bmw M4 CS: più leggera e versatile nella guida sportiva
Anteprime

Bmw M4 CS: più leggera e versatile nella guida sportiva

La nuova M4 CS si pone un gradino sotto la GTS per offrire una guida più versatile, adatta sia alla pista che alle strade aperte al pubblico.

Bmw: le novità al Salone di Shanghai 2017
Anteprime

Bmw: le novità al Salone di Shanghai 2017

Anteprima mondiale per Mini John Cooper Works Countryman; Bmw Serie 5 passo lungo per la Cina, i servizi Bmw Connected, la serie speciale di Bmw i8.