Nissan studia l’elettrificazione popolare

Con A2A e il Comune di Milano propone un nuovo sistema di gestione della ricarica e più colonnine in tutta la città.

Quando si pensa all'automobile elettrica si crede che tutto sia più difficile, in merito al suo utilizzo, alla sua manutenzione, alla sua affidabilità. Eppure negli ultimi anni sono stati fatti grandi passi avanti in questo ambito, sotto tutti i punti di vista, non a caso ci sono costruttori che stanno investendo tantissimo, con l'obiettivo di rendere più "popolare" la vettura elettrica.

Nissan è protagonista nel processo di elettrificazione e al di là delle competenze proprie si fa forte dell'aiuto di altre parti, come nello specifico dell'azienda energetica A2A e del Comune di Milano, che insieme hanno lavorato per lanciare un piano per lo sviluppo della rete di colonnine di ricarica nella città milanese.

L'alleanza mira a risolvere alcuni problemi che tengono l'auto elettrica bloccata nel suo "mondo propositivo"; i problemi sono chiari a tutti, ovvero le vetture a zero emissioni hanno ancora un costo di acquisto elevato, poi in giro per le città ci sono ancora pochi punti di ricarica, quindi poche stazioni, ovvero scarsità di colonnine. Anche perché se si vuole far diventare la vettura elettrica fruibile senza pensieri, bisogna iniziare ad offrire o batterie con un'autonomia chilometrica notevole, oppure dotare le aree metropolitane (e non) di più punti di ricarica, così da incentivarne l'utilizzo senza preoccuparsi di rimanere a piedi con la batteria scarica.

Il piano con A2A è stato studiato appositamente: 12 nuove colonnine a ricarica rapida (l'80% della capacità delle batterie in 20-30 minuti) verranno installate a Milano entro la data del 28 maggio, giorno della finale della Champions League, di cui Nissan è uno dei principali sponsor. Le colonnine sono fornite da Nissan ad A2A, che invece ha sviluppato un nuovo sistema di gestione della ricarica e vanno ad aggiungersi alle 34 già esistenti nel Comune di Milano. Per accedere alla infrastruttura di ricarica di A2A è sufficiente abbonarsi al servizio E-moving di A2A, che dà diritto a ricariche illimitate, tramite l'apposito sito www.e-moving.it.

Bruno Mattucci, amministratore delegato di Nissan Italia, ha così commentato questa iniziativa: "abbiamo deciso di investire in una città che ha già mostrato grande sensibilità ai temi della mobilità sostenibile. Crediamo che un lavoro di squadra tra le pubbliche amministrazioni, i distributori di energia e i costruttori di auto elettriche possa contribuire seriamente al miglioramento dell'aria che respiriamo e garantire una mobilità senza vincoli. L'auto elettrica non inquina mai, anche quando non piove".

Quella di Nissan è una vera e propria mission sul tema della mobilità elettrica sostenibile. Già sei anni fa la Casa giapponese spingeva fortemente la prima generazione della Leaf, ora arrivata alla terza generazione di veicoli elettrici, che in questo periodo a Yokohama si stanno testando anche in modalità di guida autonoma.

Se vuoi aggiornamenti su NISSAN inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Parente | 19 maggio 2016

Altro su Nissan

Nissan Navara, il pick-up giapponese si spezza in due?
Play

Nissan Navara, il pick-up giapponese si spezza in due?

Alcuni possessori del Nissan Navar hanno denunciato gravi problemi strutturali sul pick-up giapponese che potrebbe letteralmente spezzarsi in due.

Nissan punta sulla connettività per i propri clienti
Tecnica

Nissan punta sulla connettività per i propri clienti

La connettività è al centro della strategia che Nissan vuole implementare al fine di migliorare l'esperienza dei propri clienti.

Nissan e-NV200, arriva l’ufficio mobile ecosostenibile
Ecologiche

Nissan e-NV200, arriva l’ufficio mobile ecosostenibile

il veicolo elettrico Nissan e-NV200 si trasforma in un vero e proprio ufficio mobile in grado di rispondere alle necessità lavorative del futuro.