Greenpeace vs Volkswagen: la parodia dello spot

Volkswagen, secondo Greenpeace, sarebbe come il lato oscuro della Forza di Guerre Stellari. Il motivo? La poca attenzione alla lotta all’inquinamento

Greenpeace vs Volkswagen: la parodia dello spot

di Simonluca Pini

01 luglio 2011

Volkswagen, secondo Greenpeace, sarebbe come il lato oscuro della Forza di Guerre Stellari. Il motivo? La poca attenzione alla lotta all’inquinamento

Greenpeace ha “attaccato” pubblicamente Volkswagen utilizzando l’arma dell’ironia: la più importante associazione ambientalista a livello mondiale, ha realizzato una parodia dello spot  The Spot, trasmesso dal costruttore tedesco  durante l’ultimo SuperBowl per promuovere la nuova Passat.

Secondo Greenpeace, Volkswagen sarebbe paragonabile al lato oscuro (citando così il famoso film Guerre Stellari): il marchio di Wolfsburg sarebbe colpevole di non volersi impegnare a sufficienza nella lotta alla riduzione delle emissioni inquinanti e continuare a commercializzare modelli altamente inquinanti.

Greenpeace non ha usato mezzi termini per incriminare pubblicamente l’azienda tedesca: “A dispetto dell’immagine ‘verde’ che si è dipinta, Volkswagen guida una lobby composta da più aziende che si oppongono alle nuove leggi necessarie per diminuire l’emissione di CO2, ridurre l’utilizzo di oli e proteggere località come il Circolo Artico dai cambiamenti climatici” si legge sul sito realizzato dagli ambientalisti.

Greenpeace motiva però il suo attacco:  “In questi mesi i politici europei stanno valutando se rendere più severe le future norme anti-inquinamento da applicare nel 2020, aumentando dal 20 al 30% il livello di CO2 che dovrà essere tagliato rispetto al 1990. E’ una scelta necessaria, già approvata da numerose aziende o enti. Ma non da Volkswagen, che spende denaro per attività di lobby contrarie e per scongiurare l’imposizione di nuovi livelli di efficienza”.

Se le accuse di Greenpeace si potrebbero contestare ( Volkswagen si sta impegnando nella commercializzazione di modelli ibridi e l’inquinamento atmosferico andrebbe combattuto soprattutto su altri fronti), bisogna riconoscere al movimento ambientalista la grande cura per la realizzazione del video.