Fiat: cresce la rete di vendita negli USA

La rete di concessionarie Fiat negli USA continua ad aumentare il proprio volume, che conta attualmente 70 rivenditori autorizzati.

Fiat: cresce la rete di vendita negli USA

di Giuseppe Cutrone

27 giugno 2011

La rete di concessionarie Fiat negli USA continua ad aumentare il proprio volume, che conta attualmente 70 rivenditori autorizzati.

Ai piani alti del Lingotto lo sanno bene: per affrontare con convinzione e buoni risultati un mercato ampio e difficile come quello americano serve una rete di vendita il più capillare possibile, oltre ovviamente ad una gamma di modelli adeguati per i gusti di quel pubblico, è ovvio.

E se la Fiat con la 500 ha iniziato con il piede giusto, meno sicurezza è finora arrivata dalla rete di concessionarie. L’obiettivo era quello di arrivare ad avere almeno 130 concessionari monomarca entro fine anno, un obiettivo da raggiungere anche e soprattutto grazie all’aiuto della consociata Chrysler, che non solo sta mettendo a disposizione parte della propria rete di vendita a cui si aggiungeranno marchi italiani in capo a Fiat, ma sta cercando anche di stringere accordi con altri imprenditori del settore attualmente non legati alla casa di Detroit.

Fino al mese di aprile Fiat poteva contare su una rete composta da 40 concessionari in tutto il territorio americano, tanto che secondo alcuni osservatori l’obiettivo di fine anno sembrava difficilmente raggiungibile, ma nelle ultime settimane pare esserci stata una crescita consistente, arrivando a inizio giugno a contare 59 showroom, che sono aumentati fino a 70 alla fine del mese.

In questo modo il gruppo italo-americano si è rimesso in linea con il target di fine anno, che dovrebbe consentire a Fiat di poter contare su una rete in grado di portare la propria gamma presso tutte le principali aree del Nordamerica.